aler

ALLEGATO 1.

PATRIMONIO ERP DI PROPRIETA’ COMUNALE:

n. 8 appartamenti così distinti:

n. 4 appartamenti in Via Roma 2

alloggio 1 – Sup. Mq. 48,82 – cantina mq. 5,70
alloggio 2 – Sup. Mq. 46,62 – cantina mq. 5,68
alloggio 3 – Sup. Mq. 47,27 – cantina mq. 5,68
alloggio 4 – Sup. Mq. 42,91 – cantina mq. 6,25

n. 4 appartamenti in Via Roma 47

alloggio 1 – Sup. Mq. 47,00 – cantina mq. 2,00 – balcone mq. 2,35
alloggio 2 – Sup. Mq. 47,00 – cantina mq. 2,00 – balcone mq. 2,35
alloggio 3 – Sup. Mq. 47,00 – cantina mq. 2,00 – balcone mq. 2,35
alloggio 4 – Sup. Mq. 47,00 – cantina mq. 2,00 – balcone mq. 2,35

BOZZA DI CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI BRESSANA BOTTARONE

L’ALER DELLA PROVINCIA DI PAVIA

PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO ERPDI PROPRIETA’ COMUNALE

Premesso che il Comune di Bressana Bottarone per esigenze di carattere funzionale e di omogeneità
amministrativa intende affidare la gestione degli stabili di ERP all’ALER della provincia di Pavia e che
l’ALER ha presentato una proposta riguardante i contenuti della gestione riferiti all’attività amministrativa
dell’utenza ed all’attività manutentiva del patrimonio;

richiamate le deliberazioni CIPE del 13.3.95 e del 20.12.96 secondo cui gli Enti gestori in assenza di un
intervento legislativo regionale debbono provvedere all’adeguamento dei canoni degli alloggi ERP in
conformità ai criteri in esse indicati al fine di coprire i costi della gestione e convenuto che l’ALER di Pavia
applicherà gli accordi siglati in con le OO.SS. degli inquilini per l’adeguamento dei canoni stessi;

visto l’art. 12 comma 1 lett. b) della legge regionale 27 del 4.12.2009 istitutiva delle ALER che prevede per
esse la possibilità di gestire patrimonio ERP di altri soggetti pubblici se da essi delegate;

visto l’art. 5 comma 2 lettera d) della legge regionale n. 27 del 4.12.2009 che prevede la possibilità per i
Comuni di convenzionarsi con le ALER per la gestione del loro patrimonio di edilizia residenziale
pubblica;

Il Comune di Bressana Bottarone e l’ALER di Pavia convengono quanto segue:

1. A partire dal ……………… e per la durata di anni tre, il patrimonio ERP di proprietà ( allegato n° 1) ,
verrà affidato in gestione all’ALER di Pavia che vi provvederà in conformità alla normativa vigente in
materia, effettuando gli adempimenti amministrativi (stipula dei contratti di locazione e registrazione,
determinazione dei canoni, emissione e riscossione dei canoni di affitto, ripartizione delle spese comuni e
riscossione, emissione diffide per tardato pagamento, rendicontazione, trattamento del contenzioso tanto
in sede stragiudiziale che giudiziale, anagrafe dell’utenza) e la manutenzione ordinaria del patrimonio
ERP che per legge risulta a carico del proprietario.

2. Il Comune assegnerà gli alloggi ai sensi della normativa vigente, l’Azienda stipulerà i relativi contratti di
locazione con gli assegnatari e rinnoverà quelli in corso, provvedendo alla loro registrazione e
assoggettando i conduttori alla osservanza dei patti e delle condizioni contrattuali previsti dalla norme
vigenti in materia, adottando altresì, per motivi di uniformità di trattamento, gli stessi criteri in vigore per
l’inquilinato dell’Azienda e nel rispetto del Regolamento Regionale n. 1/2004.

Per la gestione dei rapporti tra l’utenza e la ripartizione delle spese di manutenzione ordinaria, si fa al
manuale d’uso e al Manuale per la ripartizione delle spese approvato dalla Giunta Regionale con delibera
n. 7/19904 del 16/12/2004.

L’Azienda è delegata dal Comune a promuovere le azioni legali volte alla tutela possessoria e petitoria del
patrimonio comunale affidato in gestione, nonché quelle dirette alla risoluzione del contratto in caso di gravi
inadempienze da parte degli inquilini.

La trattazione delle vertenze, tanto attive che passive, comunque riguardanti l’amministrazione e la tutela
del patrimonio comunale affidato in gestione, verrà interamente assunta, sia in sede stragiudiziale che
giudiziale, dall’Azienda fino alla loro definitiva conclusione.

L’Azienda segnalerà tempestivamente al Comune, con dettagliato rapporto informativo, i casi di
occupazione senza titolo degli alloggi e dei locali adibiti ad usi diversi, nonché ogni altro fatto o circostanza
che possa dar luogo a provvedimenti di annullamento o di decadenza dell’assegnazione.

Le spese di giudizio, ove non ripetibili dall’affittuario, saranno a carico del Comune.

3. Il canone di locazione degli alloggi sarà determinato e applicato secondo i criteri indicati dalle norme di
legge vigenti in materia di edilizia residenziale pubblica.
L’adeguamento dei canoni in base alle deliberazioni CIPE del 13/3/95 e del 20/12/96, si effettuerà secondo
l’accordo stipulato con le OO.SS. degli inquilini in vigore per l’ALER. Ogni ulteriore adeguamento che
l’ALER effettuerà per i propri inquilini, verrà esteso anche agli assegnatari di alloggi di proprietà del
Comune, previo assenso scritto del Comune proprietario.

4. L’Azienda è tenuta ad esigere dagli assegnatari i corrispettivi dovuti per canoni e spese accessorie,
provvedendo alla ripartizione delle spese, con trasferimento all’ALER delle domiciliazione delle utenze
relative ai vari servizi comuni per gli stabili oggetto della presente convenzione
In caso di accertata morosità e dopo aver inviato i solleciti di pagamento agli assegnatari morosi , l’Azienda
provvederà a promuovere le azioni atte al recupero dei crediti scaduti nei confronti dell’affittuario moroso,
secondo i disposti e con le modalità stabilite dalle leggi vigenti, informandone preventivamente il Comune.

5. I compensi spettanti all’ALER per l’attività amministrativa e manutentiva sono previsti in complessivi 3
euro per vano convenzionale mensile (vani convenzionali n.26,67 per un compenso annuo complessivo
pari a € 960,12. IVA 20% esclusa)

6. E’ fatto obbligo all’Amministrazione comunale di trasmettere formalmente all’A.L.E.R., per consentire la
programmazione triennale dei lavori da appaltare, entro il mese di settembre di ogni anno, l’importo
stanziato per l’esecuzione dei lavori di manutenzione ordinaria relativi alla gestione dell’anno successivo.
Tale importo rappresenta la spesa massima annuale sostenibile dal Comune per gli interventi al netto
dell’IVA e la spesa massima di cui l’Ufficio Tecnico dell’ALER potrà disporre per gli interventi di
manutenzione ordinaria.

7. Nell’importo non sono compresi gli interventi che sono a carico degli inquilini per legge o come previsto
nel Manuale per la ripartizione delle spese approvato dalla Regione. Questi ultimi interventi potranno
essere effettuati dall’ALER su richiesta degli inquilini che si obbligheranno a pagarne i relativi costi
imputabili come “spese” nelle bollette di affitto.

8. Il servizio di manutenzione degli alloggi e degli stabili prevede l’esecuzione degli interventi di ordinaria
manutenzione effettivamente eseguibili con il budget stanziato dal Comune. I servizi appaltati riguardano:

Lavori edili ed affini

Lavori da elettricista

Lavori da idraulico

Spurghi

Pulizia delle canne fumarie

Derattizzazione e disinfestazioni

Opere da giardiniere

Per i fabbricati dotati di impianto di ascensore e/o centrale termica, verranno stipulati, qualora non
esistessero, contratti di manutenzione e conduzione con ditte specializzate. L’Azienda non è responsabile
della mancanza di certificazioni e nulla osta rilasciati dagli Enti preposti alla vigilanza e al controllo degli
impianti.

L’A.L.E.R. non risponde del mancato adeguamento normativo delle parti impiantistiche non solo al servizio
dei succitati impianti ma anche dell’impianto elettrico e termico di cui sono dotati gli alloggi e le loro parti
comuni.

9. I canoni introitati dall’ALER verranno versati al Comune in due rate annuali la prima entro il 30/6 dell’anno
in corso e la seconda entro il 31/01 dell’anno sucessivo.

10. Entro 180 giorni dalla chiusura, prevista al 31 dicembre di ogni esercizio, l’Azienda provvederà a
presentare il relativo consuntivo annuale della gestione del patrimonio comunale affidato a sensi della
presente convenzione.
Il rendiconto dovrà comprendere:

a) Competenze a favore del Comune (avere):

 competenze globali nominali oggettive (canone e spese ripetibili) dell’esercizio relativo alle unità
le
immobiliari gestite;

 eventuali maggiorazioni dei canoni dovute alle condizioni reddituali soggettive dell’inquilinato a sensi
le
della normativa vigente;

 riduzioni dei canoni dovuti alle condizioni reddituali soggettivi dell’inquilinato, a sensi della normativa
le
vigente;

 eventuali somme addebitate agli inquilini per titoli vari.
le

b) Competenze a carico del Comune (dare):

 eventuali importi corrispondenti a riduzioni di canoni e spese, deliberati all’Amministrazione Comunale
Gli
a favore dell’inquilinato su canoni e spese;

 mancati introiti (per spese ripetibili) per unità immobiliari temporaneamente non assegnate
i

11. Saranno a carico del Comune le perdite per inesigibilità di canoni di locazione e spese non recuperati in
sede di riscossione coattiva, da approvarsi con provvedimento dell’Amministrazione Comunale;

12. Entro il 30/4 dell’anno successivo l’ALER dovrà presentare al Comune il rendiconto (entrate e spese)
regolarmente documentato.

Data……………………………

Per il Comune di

………………………………………..

Per l’A.L.E.R. della Provincia di Pavia
Il Presidente
………………………………………………

Annunci

Una Risposta to “aler”

  1. enzuccio62 Says:

    ni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: