causa contro lo iacp

denuncia lo IACP e lo sfrattano TRATTO DA CORRIERE DELLA SERA 1992
disavventura giudiziaria di un pensionato di 70 anni. Onofrio Cinque aveva citato in giudizio l’ istituto per la presenza di muffe sui muri del suo appartamento. il tribunale gli da’ torto e decreta il decadimento del contratto d’ affitto per aver spostato una porta interna senza regolare richiesta

————————- PUBBLICATO —————————— Disavventura giudiziaria di un pensionato di 70 anni TITOLO: Denuncia lo Iacp e lo sfrattano – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – Dopo il danno, la beffa. E finita cosi’ l’ avventura giudiziaria contro l’ Iacp di Onofrio Cinque, pensionato di 70 anni, Inquilino dell’ istituto autonomo case popolari (via Tina Di Lorenzo 9 a Quarto Oggiaro), aveva protestato con i funzionari dell’ ente per la continua presenza di muffe sui muri del suo appartamento, chiedendo l’ intervento dei tecnici. Non avendo ottenuto risposta, aveva pensato di citare in giudizio il suo padrone di casa. E cosi’ , assistito dall’ avvocato Giuliano Votta, ha trascinato lo Iacp in tribunale perche’ secondo lui qualcuno doveva pur rispondere o fare qualcosa per la sua casa. Il tribunale ha disposto una perizia che gli ha dato torto. Ma in compenso durante i sopralluoghi in via Di Lorenzo, i periti hanno scoperto che il pensionato aveva spostato una porta interna senza seguire la complessa trafila burocratica, che prevede domande di qua, domande di la’ , timbri e altre amenita’ del genere. Grazie a questa scoperta, non solo il tribunale gli ha dato torto nella vicenda delle muffe, ma ha anche decretato il decadimento del suo contratto d’ affitto perche’ ha contravvenuto al regolamento interno dello Iacp. Risultato: secondo i giudici, dall’ autunno ‘ 88 (la causa era cominciata nel giugno dello stesso anno, ma la sentenza e’ stata emessa qualche giorno fa) il signor Cinque e’ un inquilino abusivo. Poco importa se era in possesso di contratto regolare e se ha sempre pagato l’ affitto. Quella porta galeotta e’ bastata per trasformarlo in abusivo, uno dei tanti abusivi che occupano i palazzi dell’ istituto autonomo. Il suo avvocato ha gia’ annunciato che ricorrera’ in appello. Resta pero’ da chiedersi come mai lo Iacp si mostri cosi’ fiscale in presenza di un problema veniale . anche perche’ la porta si sarebbe potuta benissimo rimettere a posto al momento di lasciare la casa . e lasci invece correre le centinaia di altre irregolarita’ che caratterizzano gli stabili dell’ istituto.

Tag:

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: