visualizzazioni:tag case popolari

visualizzazioni in evidenza indirizzato dal motore di rcerca
,home page http://www.google.it tag/case popolari
LAZIO Legge Regionale 36/1996 -L.R. 5 settembre 1996, n. 36 (1).
Riscossione e recupero delle somme dovute agli enti gestori di alloggi di edilizia residenziale pubblica.
Capo I – Disposizioni generali

1. Finalità ed ambito di applicazione della legge.
1. La presente legge disciplina le modalità per la riscossione ed il recupero dei canoni e delle indennità di occupazione, compresi gli oneri accessori e le quote dei servizi a rimborso, dovuti rispettivamente dagli assegnatari o dagli occupanti senza titolo degli alloggi di edilizia residenziale pubblica di cui all’articolo 2, comma 1, della legge regionale 26 giugno 1987, n. 33, così come modificato dall’articolo 1 della legge regionale 15 marzo 1990, n. 30.
2.
La presente legge disciplina, altresì, le modalità per la riscossione ed il recupero delle rate di ammortamento del prezzo di cessione degli alloggi di cui al comma 1, ceduti a riscatto o in locazione con patto di futura vendita.
2. Ruoli di utenza.
1. Per le finalità di cui all’articolo 1, gli enti proprietari o gestori di alloggi di edilizia residenziale pubblica, istituiscono appositi ruoli annuali di utenza (1a).
2. La compilazione dei ruoli di utenza è effettuata con riferimento all’ammontare complessivo annuale dei canoni e delle indennità di occupazione, calcolati secondo i criteri stabiliti dalle normative statali e regionali, delle quote in acconto per i servizi a rimborso secondo la misura predeterminata dal consiglio di amministrazione o dall’organo deliberante di ciascun ente, nonché degli eventuali oneri accessori e delle rate di ammortamento del prezzo di cessione secondo quanto stabilito nel contratto di cessione o nel contratto di locazione con patto di futura vendita.
3. Il ruolo annuale riferito a ciascun alloggio deve essere suddiviso, ai fini della riscossione, in dodici rate mensili anticipate.
4. Alle disposizioni di cui al presente articolo, devono
uniformarsi gli enti gestori che adottano forme di riscossione attraverso trattenuta diretta sulla busta paga di stipendi, salari o pensioni.
5. In sede di prima attuazione i ruoli di utenza sono istituiti entro dodici mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge e riguardano il periodo intercorrente tra tale data e la fine dell’anno solare di riferimento.
Capo II – Il fondo sociale
3. (Omissis) (1b).
4. (Omissis) (1b).
Capo III
Agevolazioni per la definizione delle morosità pregresse
5. Estinzione agevolata delle morosità.
1. In deroga a quanto disposto dall’articolo 43 della legge regionale n. 33 del 1987, gli assegnatari di alloggi di proprietà degli IACP che alla data di entrata in vigore della presente legge non abbiano adempiuto, in tutto o in parte, agli obblighi per il pagamento dei canoni e di ogni altro eventuale onere accessorio relativi agli anni antecedenti al 31 dicembre 1995, possono regolarizzare la propria posizione versando in un’unica soluzione entro sessanta giorni dalla richiesta di pagamento da parte dello IACP:
a) le somme dovute per il periodo dal 1 gennaio 1991 al 31 dicembre 1995 non gravati da interessi legali e/o di mora;
b) le somme dovute per il periodo antecedente al 1° gennaio 1991, al netto di interessi legali e/o di mora, per canone nella misura pari alla quota da riversare in contabilità speciale, nonché alle quote per i servizi a rimborso (2).
2. Gli assegnatari possono presentare nello stesso termine di sessanta giorni previsto al comma 1, domanda per il pagamento dilazionato, senza maggiorazioni per interessi, delle somme di cui alle lettere a) e b) del comma 1. Il pagamento dilazionato deve essere effettuato con rate mensili che non incidono più del trenta per cento sull’importo mensile dovuto per canoni ed oneri accessori (3).
3. Le somme di cui al comma 1, lettere a) e b), sono calcolate in base ai dati contabili elaborati dagli IACP alla data del 31 dicembre 1995 salvo evidente errore materiale debitamente documentato a cura degli assegnatari interessati (4).
4. Gli assegnatari che abbiano già in corso il pagamento rateizzato dal debito relativo ai canoni ed oneri accessori dovuti al 31 dicembre 1995, beneficiano, anche con effetto retroattivo, delle agevolazioni di cui al presente articolo, previa ridefinizione del debito da parte dell’IACP.
5. Gli enti gestori diversi dagli IACP devono richiedere ai propri assegnatari le somme dovute a titolo di canone e di servizi a rimborso. Per i primi dodici mesi dalla data di pubblicazione della presente legge, in deroga a quanto previsto ai commi precedenti, le somme complessive dovute da ciascun assegnatario a tutto il 31 dicembre 1995 possono essere recuperate a titolo transattivo. Gli assegnatari possono presentare, nello stesso termine di sessanta giorni previsto al comma 1, domanda per il pagamento dilazionato delle somme di cui al comma 2. Il pagamento deve essere effettuato con le stesse modalità di cui al comma 2.
6. Nei confronti degli assegnatari inadempienti a quanto disposto dal presente articolo gli enti gestori applicano le procedure previste dall’articolo 32 del regio decreto n. 1165 del 1938.
7. L’ambito di applicazione delle disposizioni contenute nel presente articolo riguarda i rapporti che abbiano a oggetto le unità immobiliari indicate all’articolo 2, comma 1, lettere a), b) e c) della legge regionale n. 33 del 1987.
6. Abrogazione.
1. L’articolo 42 della legge regionale n. 33 del 1987 è abrogato.

(1) Pubblicata sul BUR 20 settembre 1996, n. 26.
Riprodotta sulla G.U. della Repubblica 8 febbraio 1997, n. 6 (S.S. n. 3).
(1a) Comma così modificato dall’art. 21 della legge regionale 6 agosto 1999, n. 12.
(1b) Comma abrogato dall’art. 24, comma 1, lettera c) della legge regionale 6 agosto 1999, n. 12.
(2) Per opportuno ed utile coordinamento si ritiene necessario riportare integralmente il testo dell’art. 1, comma 1 della legge
regionale 20 gennaio 1998, n. 5:
“1. 1. Il comma 1 dell’art. 5 della legge regionale 5 settembre 1996, n. 36, è interpretato autenticamente nel senso che assegnatari sono anche coloro che hanno in corso di definizione le procedure per l’acquisto degli immobili degli IACP, purché queste non siano state concluse alla data di entrata in vigore della stessa legge regionale 36/1996.
2. (Omissis)”.
(3) Comma così sostituito dall’art. 2 della legge regionale 20 gennaio 1998, n. 5.
(4) Per opportuno ed utile coordinamento si ritiene necessario riportare integralmente il testo dell’art. 1, comma 2 della legge regionale 20 gennaio 1998, n. 5:
“1. 1.(Omissis).
2. L’espressione “le somme di cui al comma 1, lettere a) e b), sono calcolate in base ai dati contabili elaborati dagli IACP alla data del 31 dicembre 1995″, prevista al comma 3 dell’art. 5 della legge regionale 36/1996, è da interpretarsi autenticamente nel senso che tali somme sono esclusivamente quelle richieste dagli IACP alla data del *31 dicembre 1995”.
LEGGE LAZIO AGENZIA PER LA CASA E REGOLAMENTO .

TESTO ON LINE DI FAC SIMILE DI DELIBERA MOROSITA’ DELIBERAZIONE N.227/5 Consiglio di Amministrazione del 26/7/2011

Convocato mediante lettera del 21/7/2011 con prot. n.14115, trasmessa tramite posta elettronica e
a mezzo fax, si è riunito il C.d.A. alle ore 11.00 presso la sede del Distretto di Nuoro in Via P, 2, Nuoro, per discutere e deliberare l’O.d.G. allegato alla precitata lettera di
convocazione.
—-***—-
Sono presenti:
1) Dott. Efisio T Consigliere
2) Prof. A Mario Consigliere
3) Sig. Luciano Alberto COLLU Consigliere
4) Rag. Vittorio R Consigliere
5) Sig. Antonio S Presidente del Collegio Sindacale
6) Dott.ssa Teresa G Componente effettivo del Collegio Sindacale
7) Rag. Pietro S Componente effettivo del Collegio Sindacale
E’ assente giustificato il Presidente Prof. Giorgio SANGIORGI.
Assiste e partecipa in veste di Segretario, a norma dell’art.13 comma 6 lettera q) dello
Statuto, il Dott. Giovanni A, il cui incarico di Direttore Generale è stato affidato con DCA
n. 213/1 del 12/4/2011, ai sensi dell’art. 13 comma 1) dello Statuto.
Assume la Presidenza ex art. 10 dello Statuto, il Consiglio il quale
è stato individuato, con DCA n. 113/3 del 1/12/2009, ai sensi dell’art. 7 lett. m) dello Statuto, sostituto del Presidente.
Oggetto: 5) DISTRETTO DI CAGLIARI – RECUPERO MOROSITÁ CANONI DI LOCAZIONE DA
ASSEGNATARI IL CUI CONTRATTO E’ CESSATO – AVVIO AZIONE LEGALE.
Il Presidente T. illustra l’argomento.
Il Consiglio decide di inserire nella narrativa e nel dispositivo della proposta deliberativa,
rispettivamente i due seguenti punti:
– nella narrativa ““CONSIDERATO che il Consiglio di Amministrazione solo oggi conosce questa situazione di grave anomalia con la quale sono state gestite alcune situazioni creditizie;”;
azienda regionale per l’edilizia abitativa
Deliberazione n.227/5 del 26/7/2011 pag. 2
– nel dispositivo: di chiedere al Direttore Generale di svolgere ogni opportuna iniziativa tesa a verificare puntuali responsabilità – qualora sussistano – circa le situazioni sopraindicate ed altre che si dovessero ripresentare”.
Il contenuto dell’originario punto 2 del dispositivo è traslato nel punto 3.
Il Consiglio chiede al Direttore Generale che riferisca al Consiglio, entro un termine congruo,
sull’attività di accertamento delle responsabilità.
——————————————————- O M I S S I S ——————————————————-
Il Consiglio decide di integrare ulteriormente il punto 2 del dispositivo inserendo, nel
proseguo della frase, la dicitura “riferendo espressamente al Consiglio almeno semestralmente”.
——————————————————- O M I S S I S ——————————————————-

IL CONSIGLIO
VISTA la L.R. 8/8/2006 n.12, ed in particolare l’art. 18, comma 6, lett.d);
VISTO lo Statuto dell’Azienda, approvato con Decreto del Presidente della Regione n. 30 del 5
marzo 2007, ed in particolare l’art. 13, comma 6, lett. d);
Su proposta del Dirigente ad interim dell’Ufficio Legale, Dott. Massimo Cambule;
PRESO ATTO che, con nota prot. 4014 del 25 maggio 2010 il Servizio Amministrativo del Distretto
di Cagliari trasmetteva, per i provvedimenti di competenza, all’Ufficio Legale della Direzione
Generale, oltre che al Direttore Generale ed al Consiglio di Amministrazione, un elenco degli assegnatari morosi risultanti irreperibili o deceduti, non atto a consentire una compiuta disamina in ordine alla sussistenza dei presupposti per promuovere l’azione legale;
DATO ATTO che con nota del 22 luglio 2011, il Servizio Amministrativo del Distretto di Cagliari,
effettuati gli accertamenti possibili, trasmetteva la documentazione utile per promuovere detta azione, anche in riferimento agli assegnatari per i quali, rinvenuto nel frattempo il nuovo indirizzo, si era proceduto a notificare atto di diffida nel corso del 2010, secondo quanto delineato dalle linee guida di cui alla nota del Direttore Generale, n. 67 del 7 gennaio 2008;
RILEVATO che trattasi di situazioni di morosità relative agli assegnatari di alloggi e.r.p. il cui contratto di locazione è cessato e/o di occupanti abusivi regolarizzandi il cui contratto di locazione non è mai stato stipulato;
ESAMINATA la documentazione amministrativa e contabile dalla quale emerge la sussistenza dei
presupposti per promuovere l’azione legale nei confronti degli assegnatari di seguito riportati:
1. XXXX XXXX
Morosità ad oggi: € 118,07
Contratto di locazione: stipulato in data 2/07/1990
Alloggio: Guspini – XXXX XXXX, XX
Data cessazione: 31 ottobre 2006
azienda regionale per l’edilizia abitativa
Deliberazione n.227/5 del 26/7/2011 pag. 3
Periodo di maturazione della morosità: ottobre 2006
Note: (OMISSIS);
2. XXXX XXXX
Morosità ad oggi: € 881,47
Contratto di locazione: stipulato in data 1/05/1999
Alloggio: Siurgus Donigala – XXXX XXXX, XX
Data cessazione: 31 agosto 2006
Periodo di maturazione della morosità:da maggio 2005 ad agosto 2006
Note: (OMISSIS);
3. XXXX XXXX
Morosità ad oggi: € 180,81
Contratto di locazione: stipulato in data 1/01/1999
Alloggio: San Nicolò Gerrei – XXXX XXXX, XX
Data cessazione: 31 agosto 2008
Periodo di maturazione della morosità: luglio – agosto 2008
Note: (OMISSIS);
4. XXXX XXXX
Morosità ad oggi: € 237,17
Contratto di locazione: stipulato in data 1/07/1990
Alloggio: Guspini, XXXX XXXX, XX
Data cessazione: 30 giugno 2007
Periodo di maturazione della morosità:maggio – giugno 2007
Note: (OMISSIS);
5. XXXX XXXX
Morosità ad oggi: € 1669,01
Contratto di locazione: occupante abusivo dal 1/04/1994
Alloggio: Dolianova – XXXX XXXX
Data cessazione: 31 ottobre 2005
Periodo di maturazione della morosità: da aprile 1994 ad ottobre 2005;
Note: (OMISSIS);
6. XXXX XXXX
Morosità ad oggi: € 2923,70
Contratto di locazione: stipulato in data 1/08/1988
Alloggio: Serrenti – XXXX XXXX, XX
Data cessazione: 31 maggio 2008
azienda regionale per l’edilizia abitativa
Deliberazione n.227/5 del 26/7/2011 pag. 4
Periodo di maturazione della morosità: da luglio a settembre 2006 e da aprile 2007 a
maggio 2008;
Note: (OMISSIS)
7. XXXX XXXX
Morosità ad oggi: € 3321,40
Contratto di locazione: stipulato in data 1/11/1989
Alloggio: Villaspeciosa – XXXX XXXX, XX
Data cessazione: 31 maggio 2008
Periodo di maturazione della morosità: dal 1997 a luglio 2005
Note: (OMISSIS);
8. XXXX XXXX
Morosità ad oggi: € 20271,46
Contratto di locazione: stipulato in data 1/1/1986
Alloggio: Villaputzu – XXXX XXXX, XX
Data cessazione: 30 giugno 2007
Periodo di maturazione della morosità: da giugno 1996 a giugno 2007;
Note: (OMISSIS);
9. XXXX XXXX
Morosità ad oggi: € 138,09
Contratto di locazione: Stipulato in data 1/4/1978
Alloggio: Cagliari – XXXX XXXX, XX
Data cessazione: 30 settembre 2006
Periodo di maturazione della morosità: settembre 2006
Note: (OMISSIS);
10. XXXX XXXX
Morosità ad oggi: €. 392,77
Contratto di locazione: stipulato in data 1/9/1994
Alloggio: Cagliari- XXXX XXXX, XX
Data Cessazione: 31 dicembre 2007
Periodo di maturazione morosità: da marzo a dicembre 2007
Note: (OMISSIS);
11. XXXX XXXX
Morosità ad oggi: €. 523,02
Contratto di locazione: stipulato in data 1/7/1958
Alloggio: Cagliari- XXXX XXXX, XX
Data Cessazione: 30 aprile 2007
azienda regionale per l’edilizia abitativa
Deliberazione n.227/5 del 26/7/2011 pag. 5
Periodo di maturazione morosità: gennaio a febbraio 2007
Note: (OMISSIS);
12. XXXX XXXX
Morosità ad oggi: €. 146,35
Contratto di locazione: stipulato in data 1/1/1997
Alloggio: Serramanna – XXXX XXXX, XX
Data Cessazione: 31 luglio 2009
Periodo di maturazione morosità: luglio 2009
Note: (OMISSIS);
13. XXXX XXXX
Morosità ad oggi: €. 171,57
Contratto di locazione: stipulato in data 1/12/1993
Alloggio: Cagliari – XXXX XXXX, XX
Data Cessazione: 30 settembre 2009
Periodo di maturazione morosità: luglio 2007
Note: (OMISSIS);
14. XXXX XXXX
Morosità ad oggi: €. 185,01
Contratto di locazione: stipulato in data 1/07/1989
Alloggio: Serramanna- XXXX XXXX XX
Data Cessazione: 31 Maggio 2009
Periodo di maturazione morosità: Maggio 2009
Note: (OMISSIS);
15. XXXX XXXX
Morosità ad oggi: €. 583,58
Contratto di locazione: stipulato in data 1/05/2002
Alloggio: Dolianova – XXXX XXXX XX
Data Cessazione: 31 dicembre 2010
Periodo di maturazione morosità: da dic. 2009 a feb. 2010 – da aprile 2010 a dicembre
2010;
Note: (OMISSIS);
16. XXXX XXXX
Morosità ad oggi: €. 1058,32
Contratto di locazione: stipulato in data 1/05/2000
Alloggio: Villacidro – XXXX XXXX XX
Data Cessazione: 29 febbraio 2008
azienda regionale per l’edilizia abitativa
Deliberazione n.227/5 del 26/7/2011 pag. 6
Periodo di maturazione morosità: da sett. a dic. 2006, da luglio 2007 a febbraio 2008;
Note: (OMISSIS);
17. XXXX XXXX
Morosità ad oggi: € 1372,02
Contratto di locazione: stipulato in data 1/6/1991
Alloggio: Quartu S.E. – XXXX XXXX XX
Data cessazione: 30 settembre 2006
Periodo di maturazione della morosità: da ott. 2005 a sett. 2006;
Note: (OMISSIS);
18. XXXX XXXX
Morosità ad oggi: € 2703,43
Contratto di locazione: stipulato in data 1/3/1987
Alloggio: Sarroch – XXXX XXXX XX
Data cessazione: 31 dicembre 2007
Periodo di maturazione della morosità: dic. 2006; da maggio a dicembre 2007;
Note(OMISSIS);
19. XXXX XXXX
Morosità ad oggi: € 3841,70
Contratto di locazione: stipulato in data 1/05/2005
Alloggio: Cagliari – XXXX XXXX XX
Data cessazione: 31 maggio 2009
Periodo di maturazione della morosità: da gennaio 2008 a maggio 2009;
Note(OMISSIS);
20. XXXX XXXX
Morosità ad oggi: € 170,46
Contratto di locazione: stipulato in data 1/5/2006
Alloggio: Guspini – XXXX XXXX XX
Data cessazione: 31 dicembre 2008
Periodo di maturazione della morosità: da luglio a dicembre 2008;
Note: (OMISSIS);
21. XXXX XXXX
Morosità ad oggi: € 8387,68
Contratto di locazione: stipulato in data 1/6/1990
Alloggio: Assemini – XXXX XXXX XX
Data cessazione: 30 settembre 2007a
azienda regionale per l’edilizia abitativa
Deliberazione n.227/5 del 26/7/2011 pag. 7
Periodo di maturazione della morosità: da giugno 1992 a dic. 2004;da gen. 2005 a dic.
2005; da marzo 2006 a giugno 2007;
Note: (OMISSIS);
22. XXXX XXXX
Morosità ad oggi: € 1046,09
Contratto di locazione: stipulato in data 1/10/2004
Alloggio: Gonnosfanadiga, XXXX XXXX XX
Data cessazione: 31 maggio 2008
Periodo di maturazione della morosità: febbraio 2007; luglio 2007; ; da nov 2007 a maggio 2008;
PRESO ATTO che Il Servizio Amministrativo del Distretto ha svolto direttamente, attraverso il sistema “Sister”, gli accertamenti di carattere patrimoniale, a seguito dei quali è emerso che sussistono, in concreto, i presupposti per poter fattivamente avviare l’azione legale volta al recupero della morosità atteso che per ciascuno dei morosi risultano beni immobili aggredibili in sede esecutiva, una volta ottenuto il titolo, anche attraverso i procedimenti sommari previsti dal Codice di procedura civile;
ATTESO che, nei casi in cui, pur accertata la proprietà di beni aggredibili, la morosità è inferiore ad
€200,00, l’Ufficio Legale procederà, previamente al conferimento dell’incarico al legale, a diffidare
ulteriormente i soggetti morosi ed il Servizio Amministrativo del Distretto di Cagliari provvederà a
verificare la possibilità di recuperare il credito attraverso l’escussione delle cauzioni;
CONSIDERATO che il Consiglio di Amministrazione solo oggi conosce questa situazione di grave
anomalia con la quale sono state gestite alcune situazioni creditizie;
CONDIVIDENDO la proposta dell’Ufficio Legale;
UDITO il Direttore Generale che esprime il parere di legittimità sull’atto proposto dagli uffici;
D E L I B E R A, all’unanimità dei presenti
– di dare mandato al Direttore Generale di adottare gli atti di competenza al fine di avviare
l’azione legale volta al recupero della morosità pregressa nei confronti degli assegnatari il cui
contratto è cessato nonché degli occupanti abusivi non regolarizzabili, in relazione alle
situazioni di morosità in premessa individuate;
– di chiedere al Direttore Generale di svolgere ogni opportuna iniziativa tesa a verificare puntuali
responsabilità – qualora sussistano – circa le situazioni sopraindicate ed altre che si dovessero
ripresentare, riferendo espressamente al Consiglio almeno semestralmente;
– di dichiarare la presente delibera esecutiva in quanto non soggetta al controllo preventivo di
cui all’art. 3 della L.R. n.14/95.
Nuoro, 26/7/2011
IL DIRETTORE GENERALE
F.to (Dott. Giovanni Achenza)
azienda regionale per l’edilizia abitativa
Deliberazione n.227/5 del 26/7/2011

IL PRESIDENTE
F.to (Dott. Efisio T.) Ai sensi e per gli effetti di cui all’art.5 della L.R. 14/95 si attesta la legittimità dell’atto.
IL DIRETTORE GENERALE
F.to (Dott. Giovanni A.)

TESTI PIU’ RICERCATI * Spetta al giudice ordinario l’esame determinazione canone locazione 4
opposizione decreto ingiuntivo iacp 3
accordo integrativo territoriale e aggiuntivo per l’applicazione dell’art. 2 comma 3 legge 431/98 per la stipula dei contratti di locazione ad uso abitativo degli immobili di proprietà Comune 3
giurisdizione ordinaria determinazione canone locazione 3
case popolari sinonimo housig sociale 3
fac simile contratto comodato d’uso 2
decreto / iacp opposizione e rilascio *stabilisce che gli Istituti per le case popolari, nell’ipotesi di mancato pagamento di rate di fitto, possono richiedere al giudice competente lo sfratto 2 regione sicilia sgombero alloggio popolare occupato senza titolo*stabilisce che gli Istituti per le case popolari, nell’ipotesi di mancato pagamento di rate di fitto, possono richiedere al giudice competente lo sfratto * ARTICOLO 32 TESTO UNICO 1165/19398-VISITE 2 sgombero alloggio edilizia residenziale pubblica senza titolo *stabilisce che gli Istituti per le case popolari, nell’ipotesi di mancato pagamento di rate di fitto, possono richiedere al giudice competente lo sfratto 2 decadenza da sospensione proroga sfratto *stabilisce che gli Istituti per le case popolari, nell’ipotesi di mancato pagamento di rate di fitto, possono richiedere al giudice competente lo sfratto
denuncia penale diffida agli obblighi assistenza familiare diffida allontanamento domicilio 2
iacp decadenza alloggi popolari *stabilisce che gli Istituti per le case popolari, nell’ipotesi di mancato pagamento di rate di fitto, possono richiedere al giudice competente lo sfratto 2
recupero canoni locazione successivi alla convalida di sfratto*stabilisce che gli Istituti per le case popolari, nell’ipotesi di mancato pagamento di rate di fitto, possono richiedere al giudice competente lo sfratto *stabilisce che gli Istituti per le case popolari, nell’ipotesi di mancato pagamento di rate di fitto, possono richiedere al giudice competente lo sfratto 1
legge 640 case popolari 1
il procedimento di convalida formula lo sfratto*stabilisce che gli Istituti per le case popolari, nell’ipotesi di mancato pagamento di rate di fitto, possono richiedere al giudice competente lo sfratto* in alloggi erp o ers 1
graduatoria assegnazioni case popolari del comune in ambito territoriale n. 4 –
alloggio iacp in caso di separazione 1
criteri per avere casa canone moderato regolamento 1
sentenze occupazione abusiva alloggio iacp assegnato 1
regolamento generale degli inquilini iacp 1
opposizione rilascio ater *stabilisce che gli Istituti per le case popolari, nell’ipotesi di mancato pagamento di rate di fitto, possono richiedere al giudice competente lo sfratto 1
cassazione n. 5795 del 1993 1
fac simile verbale udienza opposizione convalida sfratto*stabilisce che gli Istituti per le case popolari, nell’ipotesi di mancato pagamento di rate di fitto, possono richiedere al giudice competente lo sfratto 2
istanza proroga sfratto*stabilisce che gli Istituti per le case popolari, nell’ipotesi di mancato pagamento di rate di fitto, possono richiedere al giudice competente lo sfratto 2
il giudice con la senteza di finita locazione pur accogliendi l’opposizione deve ordinare il rilascio edilizia popolare occupazione senza titolo 2
criteri per avere diritto ad una casa popolare segnalazione urp 2
ricorso gerarchico fac simile revisione straordinaria 2
sfratto coatto casa popolare iter per la decadenza alloggio erp *stabilisce che gli Istituti per le case popolari, nell’ipotesi di mancato pagamento di rate di fitto, possono richiedere al giudice competente lo sfratto *
criterio di riparto giurisdizione
opposizione decreto rilascio alloggio iacp 1
l’efficacia ovvero l’esecuzione del provvedimento amministrativo può essere sospesa, in base alla legge 241/90 1
quanto’e’ reddito annuo per edilizia residenziale pubblica? 1
copia documento di sfratto atc torino 1
sospensione feriale opposizione rd 639 1910 1
art. 700 c.p.c. per morosità conduttore ,decadenza alloggi erp 1
calcolo canone affitto di fondo rustico lazio 1
case popolari 5 membri quanti mq? 1
decadenza amministrativa alloggi erp per morosità 1
ricorso d’urgenza ex art. 700 c.p.c presupposti rilascio abitazione locata 1
lo stato di famiglia per le case popolari 1
14 luglio 2011-07-14
Cerca Visualizzazioni fatte dai lettori sul mio sito
subentro nell’assegnazione in locazione alloggi erp regione campania domanda per emergenza abitativa 2
sentenze sulla prescrizione dei canoni locazione 2
opposizione al verbale per occupazione abusiva di alloggi ater 1
esposto gerarchico contro la pa 1
canone di locazione iacp competenza territoriale 1
comune sgombero coatto ufficiale giudiziario 1
normativa procedura sgombero esecutivo per mancanza requisiti 1
ciechi civili e decadenza e vendita alloggi ater roma 1
447 bis 1035/1972 1
decadenza alloggio erp invalido civile ultrasessantacinquenne comune di roma azione di sfratto autorizzazione giudice esecuzione 1
diritto assegnazione casa popolare eredi sostegno affitto torino 1
cass. violazione obblighi assistenza familiare 1
comune ordinanza sgombero per decadenza diritto 1
ricorso tar case popolari 1
silenzio assenso tar lazio 2011 voltura ater 1
occupanti senza titolo 1
bozza contratto posto auto coperto 1
legge 241 2011 tempo 1
case popolari eredi diritto subentro 1
ater roma decreto rilascio opposizione 1
Other search terms 38
Total views referred by search engines 65
Click
Your visitors clicked these links on your site.

2011-07-14
15 lugio ordinanza sgombero casa abusivamente occupata 4
sentenza cassazione occupazione senza titolo alloggi erp 3
occupazione abusiva e r p prescrizione 2
lazio “morosità” assegnazione alloggio ricorso contro motivato provvedimento 2
giudice competente impugnazione ordinanza occupazione senza titolo senza titolo erp 2
lazio assegnazione alloggio ricorso contro morosità motivato provvedimento 2
art 447 95 1
subentro case popolari sentenze campania 1
impianto normativo-organizzativo della regione lombardia 1
occupante senza titolo 1
occupazione di case popolari ti sfrattano? 1
quali eredi subentrano nelle case iacp 1
rilascio alloggio popolare ufficiali giudiziari o dirigenti comune 1
procedura di messa in dipsonibilità personale pubblico impiego 1
occupante senza titolo abusivo regione campania 1
dell’art. 21-quater della legge 241/90, 1
decadenza assegnazione roma 1
ordinanza decadenza alloggio popolare 1
procedura decadenza morosità.i.a.c.p. iacp salerno 1
lazio “morosità” ater ricorso contro motivato provvedimento 1
riforma edilizia pubblica occupanti senza titolo 1
fac-simile di contratto di locazione ai sensi dell’art.2, comma 1, l.9 dicembre 1998, n.431 ascrivibile 1
decreto ingiuntivo provvisoriamente esecutivo che succede 1
rifiuto subentro contratto in pendenza giudizio tar 1
Other search terms 39
Total views referred by search engines 72
Click
Your visitors clicked these links on your site.

2011-07-15
16 regolarizzazioni immobili iacp senza titolo 2
diritto sull’alloggio popolare 2
cosa sinifica sfratto vip 2
indennizzo conduttore capannoni abusivi area espropriata 1
esempio di ricorso avverso perdita agevolazioni prima casa 1
domanda alloggio popolare biella 2011 1
subentro alloggio casa iacp di palermo 1
legge su decadenza da alloggi iacp 1
riscorso straordinario al presidente della repubblica impugnazione per “vizi di forma” o di procedimento 1
sentenze sull’art.21 quater legge 241/90 1
contestazione immobile iacp detenuto senza titolo 1
occupazione abusiva alloggi ente 1
patrimonio case iacp di napoli sospenzione sgomberi 1
opposizione al rilascio per mancata indennita’ 1
litisconsorzio tutti conduttori sfratto per finita locazione 1
isolamento sociale che cose 1
quali sono i tempi di risposta del consiglio di stato sui ricorsi straordinari? 1
fax simile come fare ricorso straordinario presidente della repubblica 1
decreto ingiuntivo istituto autonomo case popolari 1
requisiti per essere inqilino aterp case popolari 1
sfratto vip e diritti 1
fac simile ricorso per impugnazione bando di concorso 1
legge i.a.c.p. 1
.itwww dpr dicembre 1
Other search terms 5
Total views referred by search engines 32
Click
Your visitors clicked these links on your site.

2011-07-16
URL Click it.wordpress.com/tag/occupante-senz-a-titolo 1
Total clicks on links on your blog 1
Thursday, July 17, 2011 Cerca Visualizzazioni evidenziate dalle ricerche dei lettori nel mio sito

ricorso straordinario al presidente della repubblica fac simile 2
sciogliendo la comunione,si puo riformare estromettendo i morosi 1
impugnativa graduatoria ricorso straordinario capo dello stato 1
competenze primarie dpr 1035/72 sentenza 1
facs simile materia locatizia opposizione a decreto ingiuntivo 1
art. 34 legge 392 78 commento 1
edilizia popolare regione siciliana 1
occupare case vuoti 1
regione piemonte nuova legge 3 e.r.p. 2011 1
condominio tubo che perde cantina allagata chi paga? 1
agevolazioni locatari disagio abitativo 1
gerarchia dei fonti 1
come adire il pretore per la modifica di una clausola del regolamento di uso e amministrazione 1
l.94 2009 matrimonio 1
competenze primarie 1
competenza in sicilia sgombero alloggi popolari 1
sfratto per finita locazione e malato oncologico 1
procedure assegnazione case popolari iacp palermo 1
il giudice concede la provvisoria esecuzione. ci si puo opporre? 1
abbandono ingiustificato del domicilio domestico (cass. pen., 9440/00) 1
istituto autonomo case popolari di taranto vendita alloggi 1
avverso il provvedimento di decadenza dall’assegnazione dell’alloggio popolare per il ricorso al tar operano i termini feriali 1
Total views referred by search engines 21
011-07-17decadenza assegnazione alloggio popolare per reddito 5
regolarizzazioni locazioni senza titolo iacp 3
fac simile ricorso tar 3
ordinanza rilascio alloggio occupato sine titulo 2
1035 1972 e 1165 1938 2
ricorso straordinario al capo dello stato fac simile 2
anezia guarlotti 2
art.1 c.28 l.94/2009 1
è possibile compensare la indennità di avviamento con l’indennità di occupazione sine titulo 1
requisiti per avere una casa popolare dello iacp della provincia di bari 1
portatore di handicap e 570 c.p. 1
fac simile ricorso al presidente della repubblica fac simile 1
art 21 quinquies commentato 1
edilizia residenziale pubblica sicilia sgombero 1
proroga sfratti istanza sospensione preavviso 1
esecuzioni decadenza benefici proproga sfratto 1
fac simile per contratto affitto posti macchina 1
prefetto pro tempore di Roma 1
alloggi per i senza casa *SENZA FISSA DIMORA 1
fac simile appello consiglio stato 1
“alloggio di servizio” rilascio giurisdizione 1
opposizione decreto iacp rito locatizio 1
sgombero legge o ordinanza del Sindaco 1
contratto di locazione inesistente rito ordinario 1 Other search terms 37

Monday, July 18, 2011
opposizione alla “dichiarazione del presidente dell’istituto” morosità dell’inquilino 2
ricorso straordinario al capo dello stato fac simile 2
normativa regione lombardia assegnazione alloggi popolari 1
ing. studio di fattibilità relativo all’ammodernamento della ss. 45 della val trebbia in 1
ordinanza sgombero occupazione abusiva 1
sfratto morosità abitazione comune residenza mezzo posta 1
ritardo giorni “pubblica amministrazione” interessi 1
censimento iacp si dichiara l’indennita di accompagnamento 1
ricorso tar diniego assegnazione abitazione 1
tar sospensiva effetti giuridici 1
comune milano decreti di rilascio erp 1
fac simile ricorso avverso ordinanza del presidente della repubblica 1
sfratto da alloggio di servizio+sentenze tar 1
ricorso al presidente della repubblica fac simile 1
fac simile ricorso per azione di nullità? 1
sfratto alloggi di servizio in concessione amministrativa 1
modello ricorso presidente della repubblica 1
ordinanza sgobero occupazione abusiva 1
fac simili ricorso azione nullità 1
tipologie abitative social husing 1
presidente di cooperativa edilizia truffa ai prenotatari degli alloggi 1
norme processuali assegnazione alloggi 1
ricorso per riassunzione innanzi al tar fac simile 1
Other search terms 44
Total views referred by search engines 71
Click Your visitors clicked these links on your site. 2011-07-18
Tuesday, July 19, 2011
Cerca Visualizzazioni
fac simile ricorso capo dello stato 3
ricorso tar contro decadenza assegnazione case popolari 2
sfratto morosità cessazione materia contendere 2
case popolari occupazione senza titolo 2
case popolari decadenza residenza 2
ricorso contro provvedimento amministrativo per occupazione senza titolo di alloggio atc 2
competenza iacp alloggi popolari: cassazione 2011 2
ricerca della residenza anagrafica 2
dichiarazione ai sensi art. 4 comma 4 86 l. 148 05 requisiti di cui art. 2 comma 12 sexies 29.12.2010 2
fac simile ricorso per riassunzione art. 50 c.p.c. 1
assistenza al cardioipatico introduzione 1
alloggi erp contratto scaduto inquilino moroso 1
lettera per occupazione abusiva 1
tesi legge 241 1
ricorso in opposizione contro il comune 1
domanda di subentro case popolari calabria 1
legge 392 art 23 casi pratici 1
decreto case popolari 1
in caso di decesso di un assegnatario casa ex iacp un figlio puo essere nominato assegnatario 1
ricorso al tar avverso graduatoria di pubblico concorso fac simile 1
ricerca residenza 1
sentenza n 4286 del consiglio di stato sulla ripartizione dei posti nella scuola 1
1035 1972 e 1165 1938 1
quali requisiti devono avere i figli per subentrare ai genitori negli alloggi popolari? 1
Other search terms 40
Total views referred by search engines 74
ClickYour visitors clicked these links on your site.2011-07-19
Wednesday, July 20, 2011
Cerca Visualizzazioni
ricorso straordinario al presidente della repubblica fac simile 3
organo competente decadenza alloggi iacp 2
1035 1972 e 1165 1938 2
tutto su occupazioni senza titolo 2
cooperativa edilizia ,estromissione di socio assegnatario 2
cassazione 16 luglio 2001 n. 9647 2
competenza per territorio nella azione di ripetizione del canone locatizio 2
ricorso consiglio di stato fac simile 2
prescrizione locazione case popolari 2 2
1* istituto : a* regolamento e b* con… 2
occupante assegnatario alloggio popolare 2
contratto di locazione come si determina la competenza per valore 1
giudice ordinario accertamento competenze profesisonali 1
a chi speta lo sgombero di abusivi di case dello iacp 1
prescrizione riscatto case popolari 1
“opposizione a decreto ingiuntivo” “canoni di locazione” 1
locazione a terzi alloggi iacp 1
clandestini pronto soccorso 1
sfratti esecutivi 2 acesso accordato se il terzo sono li che succede 1
alla email aspetto risposta 1
stato bisogno minore 570 1
cassazione civile ,sez. ii, ordinanza 15.06.2011 n° 13133 1
verbale per occupazione alloggio pubblico 1
ordinanza sindacale decadenza alloggio 2011 1
Other search terms 48
Total views referred by search engines 84
Click Your visitors clicked these links on your site.
2011-07-20 URL Click it.wordpress.com/tag/case-comunali 1
Total clicks on links on your blog 21 ,Thursday, July 21, 2011
Cerca Visualizzazioni
decadenza assegnazione alloggio popolareper reddito 5
regolarizzazioni locazioni senza titolo iacp 3
fac simile ricorso tar 3
ordinanza rilascio alloggio occupato sine titulo 2
1035 1972 e 1165 1938 2
ricorso straordinario al capo dello stato fac simile 2
anezia guarlotti 2
art.1 c.28 l.94/2009 1
è possibile compensare la indennità di avviamento con l’indennità di occupazione sine titulo 1
requisiti per avere una casa popolare dello iacp della provincia di bari 1
portatore di handicap e 570 c.p. 1
fac simile ricorso al presidente della repubblica fac simile 1
art 21 quinquies commentato 1
edilizia residenziale pubblica sicilia sgombero 1
proroga sfratti istanza sospensione preavviso 1
esecuzioni decadenza benefici proproga sfratto 1
fac simile per contratto affitto posti macchina 1
prefetto pro tempore di roma 1
alloggi per i senza casa 1
fac simile appello consiglio stato 1
“alloggio di servizio” rilascio giurisdizione 1
opposizione decreto ater rito locatizio 1
sgombero legge 1
contratto di locazione inesistente rito ordinario 1
Other search terms 37 Total views referred by search engines 73
Click Your visitors clicked these links on your site.2011-07-21
July 22, 2011 -Termini ricercati in rete dai lettori evidenziati nel mio sito il 22 luglio 2011
proroga sfratto 2011 per convivente ultrasessantacinquenne 3
ricorso straordinario al presidente della repubblica fac simile 3
limite reddito cipe acquisto casa popolare 2011 2
decreti regione sicilia maggio 2011 dismissione patrimonio immobiliare iacp (3) 2
1035 1972 e 1165 1938 2
esecuzione sfratto per morosità affitto d’azienda 2
ater differenza tra occupante abusivo e occupante senza titolo 2
casi di decadenza alloggio iacp 2
compenso euro collaborazione edilizie fondazionelacasa.org 2
cassazione suprema e il verbale di assegnazione di di allogio di cooperativa indivisa 2
plus valenza terreno x edilizia agevolata sicilia 2
occupazione casa popolare 1
sfratto iacp e disabili 1
“regione campania” decreto rilascio i.a.c.p. 1
sfratto per morosità. litispendenza 1
ci sono novita circa il decreto milleproroghe riguardo la sanatoria degli inquilini senza titolo che occupano gli immobili degli enti 1
piano casa indice urbanistico residuo 1
fac simile modulo proroga sfratto 1
michele picerno 1
conoscenza impianto normativo organizzativo regione lombardia 1
sentenze tar su erp lombardia sfratti 1
legge handicap diritti e sfratti iacp 1
rettifica canoni locazione iacp impugnazione 1
legge 241 90 autotutela 1
Other search terms 58
Total views referred by search engines 95
CERCARE DAL 17 lugilio a agosto

Click Your visitors clicked these links on your site.
2011-07-22

Termini ricercati in rete dai lettori evidenziati nel mio sito il 23 luglio 2011

Saturday, July 23, 2011
1035 1972 e 1165 1938 3
contratto locazione risoluzione consensuale revocatoria fallimentare 2
case popolari sfratto art 700 c.p.c. 2
sfratto esecutivo di famiglia con minori 1
comune di napoli sgomberi alloggi 1
assegnazione in coop edile di alloggio appartamento mansarda venduti separatamente al scopo di lucro 1
alloggio popolare con una piccola casa di proprietà ha diritto 1
10000 alloggi entro il 2012 1
perde il diritto di un alloggio popolare 1
addante anna raria iacp 1
sinonimo di accertamento anagrafico 1
assegnazione immobile iacp eredi 1
meglio sfratto per finita locazione o occupazione senza titolo 1
opposizione ordinanza di sgombero alloggio 1
canoni pagati morosità scaduti contratto locazione risoluzione consensuale revocatoria fallimentare 1
700 cpc rilascio immobile sfratto 1
sfratto intimato dal sublocatore 1
iacp palermo domanda di voltura con un patto di futura vendita’ 1
ricorso d.l. 122 02 1
iacp palermo quanti vani in base al nucleo familiare 1
ordinanza di sgombero alloggio 1
fac simile ricorso straordinario al presidente della repubblica 1
occupazione casa senza titolo 1
art 570 codice penale e art 146 codice civile 1
d’agata giovanni 1
Total views referred by search engines 29 -ClickYour visitors clicked these links on your site.Termini ricercati in rete dai lettori evidenziati nel mio sito il 24 luglio 2011

art 700 cpc sublocatore misura di prevenzione 2
bozza atto monitoriadi sgombero 2
assegnazione provvisoria edilizia popolare rilascio immobile giudice ordinario 2
wordpress.it.enzuccio62 2
cerca con google articolo 8 comma 2 3 e 447 bis cpc 2
legge regionale abusivi iacp napoli 1
ricorso avverso provvedimento che non riconosce lo stato di separato per assegnazione alloggio popolare 1
si puo fare ricorso art 14 accolto contro il commissione di case popolare milano 1*
comune puo frattare un barbone da stabile comunale 1
ricorso tar decreto di rilascio notifica ater roma 1
sentenza tar comune di collegno luglio 2011 1
appinter.csm.it 1
formulario ricorso occupazione senza titolo 1
addante anna raria iacp 1
articoli e smi. 1
occupazione senza titolo edilizia popolare 1
richiamato tek lg nylon bordo 1
ester calabrese una di commissione assegnasione casa popolare 1
http://www.sono invalido al 70/posso chiedereal aterroma,la riduzione del canone di affitto.it 1
ricorso straordinario al presidente della repubblica fac simile 1
ordinanza decadenza alloggio iacp 1
cittadino straniero muore a venezia 1
adozione provvedimento sgombero termini 1
assegno famiglia monoparentale ancona 1
Other search terms 24 luglio 2011

25 lugio 2011 ho notificato art. 700 rilascio dell’azienda affittata per morosità 2
1035 1972 e 1165 1938 2
giurisprudenza occupazione senza titolo alloggi di risulta erp sospensione sgombero ultrasessantacinquenni 2
google comune di sanremo contratto di locazione fac simile 2
sospensione feriale notifica decretoex art. 658 2
termine decadenziale ex art. 79 dies de quo 2
fax simile per richiesta emergenza abitativa 2
ricorso capo dello stato fax simile 2
diffida e decreto di rilascio dpr 1035 1
esempio di ricorso straordinario 1
21 quinquies della l. 241/90 1
fu annullato lo scioglimento del consiglio comunale di afragola del 1999 1
riesame sanatoria regolarizzazione immobili occupati senza titolo ater prov. roma 1
iacp tabelle senza titolo 1
case popolari risiedere stabilmente 1
progetti allggi sociali 1
art 79 l. 392/78 sospensione feriale 6 mesi 1
illegittima sostituzione di serratura 1
scatto di anzianità convenzionatoper ilpersonale vilile del fuoco inabile permanente contratto 96 1
sgombero giudice amministrativo 1
erp decadenza alloggi cessione 1
agenzia a torino aiuta immigrati 1
atc vomano residenti richiedenti l’ammissione entro 1 luglio 2011 1
articolo570 c.p 1
Other search terms 54
Total views referred by search engines 86

2011-07-26 Cerca visualizzazioni fatte in rete in evidenza nel mio sito Visualizzazioni
ricorso straordinario al presidente della repubblica fac simile 5
errore dell’iacp assegnazione cantina assegnatario non restituisce 4
subentro case popolari aler 2011 3
immobile requisito e poi detenuto in locazione 2
1035 1972 e 1165 1938 2
proroga sfratti 2011 seconda volta 2
fac simile deduzioni decadenza alloggio residenziale pubblico 2
art.21 legge 241/90-autotutela 2
ordinanza sgombero alloggio 2
in presenza in casa di due persone invalide al cento x cento e una malata terminale possono eseguire lo sfratto esecutivo x morosita? 2
ricorso al capo dello stato fac simile 2
ministero competente in tema di ricorso straordinario al presidente repubblica sgombero alloggio erp 2
requisizione immobile e poi detenuto in locazione 2
addante anna maria iacp 1
rateizzazione dell monetizzazioni adottate dal comune di chieti 1
determinazione valore causa sfratto finita locazione 1
assistenza familiare art. 570 1
impianto normativo organizzativo della regione lombardia 1
elenco nomi aspettanti mobilita inderoga regione calabria 1
fac simile appello civile scale prive di corrimano 1
fac simile sgombero abitazione 1
edilizia popolare interesse pubblico 1
lecita indagine isee dell’aler 1
se durante il periodo feriale si può intimare il precetto 1
Other search terms 70 Total views referred by search engines 113
Wednesday, July 27, 2011

richiesta di sequestro azienda finita locazione affitto 3
monitoria di sgombero ci sono bambini piccoli e animali domestici 3
trasmissione all’erede dell’alloggio popolare 3
opporsi allo sfratto per morosità obbligo degli arresti domiciliari 2
sfratto inquilino arresti domiciliari obbligo conservare detenzione casa 2
opposizione allo sfratto di abitazione casa popolare 2
sentenza cassazione n. 9647 16/07/2001 2
1035 1972 e 1165 1938 2
procedura ricorso capo dello stato atto del comune 2
decreto ingiuntivo provvisoriamente esecutivo su canoni locativi e sospensione feriale 2
annamaria addante blog archive 2
moduli per autocertificazione richiesta assegnazione casa 2
occupazione abusiva di casa i.a.c.p con intestataria morta 2
anna lisa russo 1
assistente sociale e barbono 1
locazioni decadenza sospensione sfratto 1
legge 392/78 prescrizione del canone 1
ricorso al presidente della repubblica fac simile 1
l’erede ha diritto all’alloggio dell’atc 1
il conduttore deve pagare le funi dell’ascensore 1
il diritto all’assegnazione di un alloggio popolare si trasmette agli eredi 1
regione puglia contributo dovuto agli iacp per lavori di recupero alloggi erp 1
obblighi familiari in stato di detenzione 1
sentenza danno da ritardata adozione dei provvedimenti amministrativi 1
Other search terms 57
Total views referred by search engines 97
ClickYour visitors clicked these links on your site.2011-07-27
it.wordpress.com/tag/domande-iacp 1
it.wordpress.com/tag/case-popolari-statistiche-di-ricerca-sul-mio-blog 1 Total clicks on links on your blog il 27 luglio 2011
28/07/2011 testi evidenziati in visualizzazione mio sito :
Anna Maria Addante- presidente comitato inquilini ex IACP -tesi di risposta :ampliamento familiare e risorse abitative- 1
Statistica e ricerche consigliate in analogia al mio blog; wordpress.it enzo62,termini consigliati dal motore di ricerca in alternativa alle mie ricerche .www.google.it 1
testi più ricercati in blog ;il termine di ricerca consigliato dal motore di ricerca è http://www.google.it/tag case popolari 1
Thursday, July 28, 2011
opposizione 615 c.p.c. ordinanza sindacale di sgombero iacp 5
sospensione ordinanza di sgombero alloggi iacp 4
prescrizione per morosità iacp di catania 4
subentro in contratto di affitto ater coniuge dimora abituale 3
opposizione 615 c.p.c. ordinanza sindacale di sgomberom iacp 3
apposizione formula esecutiva decreto ex art. 148 2
appinter.csm.it 2
ordinanza sgombero alloggio sindaco 2
esecuzione sfratto arresti domiciliari 2
nullità dello sfratto in presenza di animali 2
ordinanza ingiunzione compete al sindaco 2
ricorso straordinario presidente repubblica fac simile 1
termini per proporre ricorso avverso decreto di rilascio ater 1
comune di palermo qando i pagamenti affitto integrazione casa 2008 2009 1
se si vende l’alloggio iacp prima dei 10 anni dal ricatto 1
tutto su procedure ordinanza sgombero 1
689/81 senato 1
ordinanza sindaco sgombero alloggi edilizia popolare 1
decreto ingiuntivo locazione sospensione feriale 1
opposizione ordinanza sindacale di sgombero 1
opposizione sfratto morosità riconvenzionale ripetizione aumenti istat 1
pio albergo trivulzio la storia dei direttori generali 1
fac simile domanda per concorso piemonte 1
contratto di locazione con clausole irregolare si può annullare 1
Other search terms 47
Total views referred by search engines 91
Click Your visitors clicked these links on your site.2011-07-28
URL Click it.wordpress.com/tag/case-popolari 1 Total clicks on links on your blog 1
Friday, July 29, 2011
Cerca Visualizzazioni
ricorso straordinario al presidente della regione siciliana avverso provvedimento di rilascio immobile iacp 3
fac simile ricorso art. 700 modalità esecuzione di lavori ordinanza comunale 2
reddito massimo per avere diritto alla casa popolare 2
1035 1972 e 1165 1938 2
“carrato” and “notifica” and “intimazione” 2
delibera iacp prova convivena due anni 2
sentenze tar condanna commissione per assegnazionealloggio popolare in quanto gia proprietario di alloggio adeguato 2
maria adele mimmi 2
regolamento delle procedure di assegnazione degli alloggi di edilizia sociale regione piemonte 2010 2
occupazione abusiva di immobili iacp regione sicilia e ricorso 2
programma 10000 alloggi piemonte 2
sospensione residenza 2
intestatario casa iacp puo’ acquistare un altro immobile 1
assegnataria come giovane coppia puo’ chiedere cambio alloggio iacp 1
assegnatario casa popolare puo aquistare un immobile 1
cooperative aler – plusvalenze di assehgnatari di case popolari assegnate 1
sentenze tar alloggi popolari 1
titolo esecutivo sgombero abusivi aler 1
procedimento giudiziario per false dichiarazioni reddituali contro iacp 1
incentivi fiscali 240 1
ricevuta lettera ater roma lasciare alloggio entro 15 gg 1
comodato sentenza risoluzione provvisoria esecuzione 1
fac simile ricorso per legittimità costituzionale procedimento 1
recesso anticipato contratto locazione gravi motivi trasferimento altra città 1 Other search terms 42
Total views referred by search engines 79
Click Your visitors clicked these links on your site.2011-07-29 data.
Saturday, July 30, 2011
ricorso straordinario al presidente della repubblica fac simile 3
procedimenti giudiziari promossi dallo iacp per false dichiarazioi reddituali 3
punteggio in caso di sfratto 2
ordine pubblico sgombro 2
alloggi ater roma se si è in eccesso di reddito l ater puo vendere comunque all assegnatario invalido
contratto di foresteria tassazione dipendente 2
impianto normativo organizzativo della regione lombardia 1
convivenza more uxorio subentro locazione ater lazio 1
applicazione 447 bis 1
precetto su autorizzazione ad incassare somme in nome del minore 1
quali atti l’iacp trasmette d’ufficio alla procura 1
leggi nuove alienazione erp sul titolo all’acquisto 1
provvedimenti del servizio anagrafe utenza iacp 1
voltura contratto di locazione dei conviventi ater lazio 1
usufruttuario muore lasciando morosita 1
1035 1972 e 1165 1938 1
competenza risoluzione contratto di locazione inadempimento diverso dalla morosità 1
appinter csm 2011 1
modello di ricorso per decreto ingiuntivo al tar 1
consegna chiavi appinter 1
“fondo di mutualità” affitto 1
ordinanza sindacale di sgombero alloggio 1
annamaria addante blog archive 1
competenza giudiziaria locazione-oneri accessori 1
31 lugio 2011- Cerca Visualizzazioni 2011-07-31
in data. ordinanza sgombero fac simile 3
art. 21 quinquies legge 241 90 giurisprudenza 2
ricorso straordinario al presidente della repubblica fac simile 2
come sgomberare immobile iacp occupato 2
sunia roma contestazione occupazione abusiva erp 2
fac simile querela ai sensi art 570 cp 2
l’ordinanza di convalida di sfratto è sufficiente per bloccare il pagamento delle tasse sul canone d’affitto? 1
stilare lettera per occupazione abusiva dando un termine 1
istituto autonomo case popolari napoli graduatoria definitiva emergenza casa 2011 1
revoca ordinanza di rilascio immobile casi pratici 1
richiesta proroga sfratto per morosità incolpevole 1
impianto normativo-organizzativo della regione lombardia 1
istanza “borsa viveri” 1
occupazione abusiva case popolari conseguenze 1
gravi ragioni di cui all’art. 21 quater della 241 1
rito locatizio esecuzione di sfratto per detenzione sine titulo 1
http://www.immigrati. e sovvenzioni 1
fac simile denuncia obblighi di assistenza familiare art.570 cp1
ordinanza sgombero occupanti abusivi fac simile 1
sunia roma x contestazione occupazione abusiva erp parentela 1
ricorso 700 immobile abbandonato conduttore 1
impianto normativo organizzativo lombardia 1
Other search terms 2
Total views referred by search engines 33 ClickYour visitors clicked these links on your site.1 agosto 2011

Monday, August 1, 2011
ricorso straordinario al presidente della repubblica fac simile 2
case popolari provvedimento revoca competenza 2
1035 1972 e 1165 1938 2
si esortano le persone in indirizzo al rispetto della normativa vigente al fine di non incorrere in sanzioni 2
ricorso decadenza assegnazione alloggio edilizia residenziale 2
impianto normativo organizzativo regione lombardia 2
comune ordinanza sgombero 2
art 34 legge 392 1
700 cpc contro ordinanza rilascio immobile 1
l’adunanza plenaria del consiglio di stato con la decisione n. 15/2011 depositata il 29 luglio scorso. 1
sentenza cassazione decadenza assegnazione alloggio popolare dopo contratto 1
schema ordinanza sgombero casa popolare 1
modello ordinanza sgombero casa popolare 1
separazione assegnazione restituzione chiavi 1
atto di citazione ex art.2394 c.c. 1
comparsa 166 cpc errore nome chiamato in causa 1
controdeduzioni avvio procedimento 1
sgombero case legge 1
apprinter csm 1
iacp di napoli 1
ricorso al presidente della repubblica fac simile 1
criteri assegnazione case popolari genova 1
diffida occupazione senza titolo 1
fac simile richiesta termine di grazia sfratto 1
Other search terms 60
Total views referred by search engines 91
Click Your visitors clicked these links on your site.

2011-08-01 URL Click Altri collegamenti 2
Total clicks on links on your blog 2
Tuesday, August 2, 2011
ricorso straordinario al presidente della repubblica fac simile 3
1035 1972 e 1165 1938 3
ricorso al presidente della repubblica fac simile 3
ordinanza di sgombero inquilini abusivi 3
sfratto per morosità litispendenza 3
sospensione feriale e decreto 664 cpc 2
ordinanza di sgombero per occupazione abusiva 2
ricorso tar decadenza alloggio popolare 2
l’ impianto normativo-organizzativo della regione lombardia? 2
comune di torino sanatoria occupazione senza titolo alloggio 2
regione piemonte requisiti per la sanatoria occupazione senza titolo alloggi edilizia residenziale pubblica 2
ricorso contro atto preliminare al decreto di rilascio immobile atc 2
ordinanza di assegnazione alloggi erp 1
fac simili di ricorso al presidente della repubblica 1
fac simile domanda mergenza abitativa regione toscana 1
ordinanza di sgombero di alloggio popolare occupato abusivamente 1
bando di project financing residenziale 1
mediazione obbligatoria materie sfratto 1
interesse pubblico art. 21 nonies legge 241/90 1
proposta di legge per sblocco alienazioni erp 1
impianto normativo organizzativo della regione lombardia 1
mancat apresentazione dati reddituali – adeguamento canone iacp 1
dpr 202 115 art 84 sospensione feriale 1
vizio ultrapetizione di risoluzione contratto locazione 1
Other search terms 71
Total views referred by search engines 112
Click Your visitors clicked these links on your site.
-02-08-2011 URL Click Altri collegamenti 6 Total clicks on links on your blog 6

Wednesday, August 3, 2011
Cerca Visualizzazioni
1035 1972 e 1165 1938 3
ricorso al tar per occupazione senza titolo case erp 3
ricorso straordinario al presidente della repubblica fac simile 2
fac simile istanza sospensione sfratti 2011 2
indennità fine locazione farmacia 2
fac simili domanda per assegnazione alloggi di edilizia economica e popolare 2
ricorso al tar per occupazione abusiva 2
mediazione servizi bancari obbligatoria abf 2
occupazione abusiva alloggio iacp ricorso disabile ordinanza sgombero 2
comune meta regolamento equo canone 1
ho vinto una causa ero stato querelato per violazione art. 570 cp 1
ricorso al tar per occupazione senza titolo case erp roma 1
annullamento provvedimento art 19 241 1
prescrizione canone iacp 1
si puo opporre sfratto esecutivo 1
art.570 c.p. violazione obblighi di assistenza familiare 1
occupazione senza titolo sentenze 1
legge sulla residenza dpr 223/1989 1
ordinanza di sgombero alloggio popolare 1
occupazione senza titolo di alloggio pubblico 1
cassazione ater revoca assegnazione 1
fac simile saldo a stralcio 1
termini rinuncia notifica citazione giudici popolari 1
googlsgombero esecutivo 1
Other search terms 59
Total views referred by search engines 94
Click
Your visitors clicked these links on your site.

2011-08-03 -URL Click gravatar.com/8d34e5331aefae438687d90b697aab85 1
Altri collegamenti 3 Total clicks on links on your blog 4
Thursday, August 4, 2011
Cerca Visualizzazioni
ricorso al tar per procedimento amministrativo occupante abusivo 3
cassazione ater revoca assegnazione 2
annullamento 241 90 2
giurisdizione opposizione a decreto di decadenza dall’asseganzione di alloggio 2
formulario ricorso tar avverso provvedimento ordinanza di sgombero 2
occupanti senza titolo che riscattano la casa popolare 2
richiestadi alloggio sociale 1
la legge tutela gli sfrattati? 1
criteri per la quantificazione del danno da occupazione abusiva di suolo pubblico 1
voltura iacp dove trovo codice alloggio 1
prescrizione canone iacp 1
art. 642 e 648 cpc 1
+”revoca residenza” +procedura +controllo 1
alloggi sine titolo 1
competenza ordinanza sgombro case popolari 1
impianto normativo – organizzativo regione lombardia 1
art 11 co.12 dpr 1035/72 1
appello sentenza possessoria sospensione feriale 1
fac simile contratto deposito 1
sgombero alloggio ater opposizione all’esecuzione del sindaco 1
reclami per le case popolari 1
ricorso al tar per procedimento amministrativo occupante abusivo lombardia 1
commissione assegnazione case popolari 1
articoli di leggi su cauzione versata da inquilino e usata a copertura dei canoni 1
Other search terms 45 Total views referred by search engines 76
Click Your visitors clicked these links on your site.
2011-08-04 URL Click it.wordpress.com/tag/case-popolarioccupante-sena-titolo 1 Altri collegamenti 1 Total clicks on links on your blog 2
Friday, August 5, 2011
Cerca Visualizzazioni
immobile sine titulo rito locatizio ordinario 447-bis sentenza cassazione 4
diritto nascente da assegnazione casa popolare 2
ultimo decreto sulle case popolari 1
case popolari rimini rifiutate le giovani coppie 1
iacp palermo assegazione 20.000alloggi canone concordato 1
mediazione obbligatoria sfratto morosita 1
appinter csm 1
istanza di vendita immobiliare e provvedimenti ex art. 600 cpc 1
ricorso diffida ater 1
dopo la morte dell,assegnatario della casa popolare spetta al figlio se residente con lui 1
fac simile ricorso al tar avverso ordinanza di sgombero prefabbricato 1
notifica a mezzo posta perfezionamento art. 147 c.p.c. 1
dpr 223/1989 art.16 opposizione 1
istituto case popolari decadenza alloggio 1
conoscete il prof. alfredo gentile ? 1
sgombero alloggi erp 1
opposizione allo sfratto per morosità disabile 1
fac simile straordinario 1
iacp campania 1
edilizia residenziale danno occupazione senza titolo 1
sopensione termini periodo feriale and deposito comparsa conclusionale negatoria servitutis 1
rimedi occupazione abusiva alloggio di e.r.p. 1
tar competente ricorso assegnazione alloggi erp 1
a. carrato il diritto di riconoscimento dell’indennità di avviamento m 1
Other search terms 20 Total views referred by search engines 48 Click Your visitors clicked these links on your site.2011-08-05
URL Click Altri collegamenti 1 Total clicks on links on your blog 1
Saturday, August 6, 2011
2011-08-06
Cerca Visualizzazioni
articoli per case popolari 2
subentro case popolari milano 2
normativa su assegnazione casa popolare e sfratto per morosità a reggio calabria 1
2011 assegnazione in locazione ai dipendenti delle amministrazioni dello stato impegnati nella lotta alla criminalità organizzata 1
inquilino moroso può avere patrocinio gartuito 1
un cea può esistere senza il consenso dell’amministrazione comunale 1
opposizione a ordinanza sgombero abitazione 1
“sfratto per morosità” esecuzione subconduttore 1
lista delle persone che presto avranno alloggi e.r.p a firenze 1
ricorso straordinario al presidente della repubblica fac simile 1
citazione 616 cpc e 163 bis cpc obbligo riduzione termini 1
fac-simile ordinanza sindacale 1
Total views referred by search engines 14 Click Your visitors clicked these links on your site.2011-08-06
Sunday, August 7, 2011
2011-08-07
Cerca Visualizzazioni
col nuovo piano casa di agosto 2011 come andrà con le vendite ater della legge 42 del 1991 3
cenni sul procedimento amministrativo e diritto di accesso 1
art.273 cpc e 708 cpc 1
sgombero provvedimento 1
impianto normativo organizzativo della regione lombardia 1
si può ospitare un parente per mesi 1
immobili vincolati sanremo 1
ricorso al tar per sospensiva occupazione senza titolo erp 1
ricorso al capo dello stato fac simile 1
alloggio popolare abbandonato 1
fac simile lettera per alloggio comunale 1
art 32 legge 392/78 mod 118/85 1
per il calcolo del canone delle iacp salerno serve mod isee 1
cosa fare in caso di sfratto da edifici ater eseguito dalla forza pubblica ? 1
cosa devi o non devi avere per la domanda iacp 1
Total views referred by search engines 17
Click Your visitors clicked these links on your site.2011-08-07
Monday, August 8, 2011
Referente Visualizzazioni
10.254.0.7:15871/cgi-bin/blockOptions.cgi?ws-session=3674799693 1
google.it 1
it.wordpress.com/tag/case-sociali-in-altri-stati/ 1
a309.latwy.pl 1
Total views referred by links to your blog 4
Classifica Articoli e Pagine
These posts on your site got the most traffic.2011-08-08
Titolo Visualizzazioni
Home page 10
sentenza Tar opposizione alla decadenza dei benefici casa popolare 4
DECADENZA DEI BENEFICI alloggio pubblico per occupazione senza titolo sgombero da casa popolare – 3
Alcuni riferimenti su domande IACP 2
fac simile di ricorso straordinario 2
ricerca in rete occupante senza titolo alloggio popolare 2
testi più ricercati sentenze di cassazione :il termine evidenziato dal motore di ricerca è http://www.google.it/tag case popolari.www.altelex.it 2
giurisprudenza -in materia di locazione 2
sentenza demanio 2
fac simle ordinanza sgombero 2
social housing in altri stati 2
statistiche di visualizzazione sul mio blog – visualizzazioni e termini più ricercati- in allegato visura delle ricerche ora in rete :wordpress.it/tag case popolari 2
locazione:fonte di riferimento:www.confappi.it/upload/notizie/ -www.google.it 1
sentenza in opposizione giudice di san remo 1
ricorso in ex articolo 700 cpc-fonte di riferimento:www.appinter.csm.it/incontri/vis_relaz_inc.php?& 1
cenni :MEDIAZIONE OBBLIGATORIA: LE MATERIE SCELTE 1
tesi di sentenza ,opposizione 1
Cassazione: lascia casa popolare per tre mesi? Perde il diritto all’alloggio popolare.fonte di ricerca http://www.google.it;sentenza n. 8519 del 3 aprile 2008 1
ricorso in opposizione alla decadenza alloggio IACP 1
TESTO DI SENTENZA -UTILE AD ACCORGIMENTO PER TESI IN OPPOSIZIONE – ALLOGGI DEMANIALI E DI SERVIZIO ,DESTINATI ALLE FFAA (valutazione tesi per opposizione in merito ndr Sentenza n. 14797/2008 ). 1
Sine titolo ,non fondatezza di questione di legittimità Costituzionale – Tar Sicilia, Sez. Catania 5.4.1982 n. 351- 1
Regolamento IACP -tratto in rete da un comune che ne da disponibilità on line 1
sfratto per morosità litispendenza – VISTO NEL MOTORE DI RICERCA – * 1
FAC SIMILE STRALCIO DELLA LEGGE REGIONE PIEMONTE ASSEGNAZIONI E REVOCA CASA POPOLARE -LEGGE REGIONE PIEMONTE N.46/95 1
Other posts 2
Total views of posts on your blog 49

Termini ricercati nei motori di ricerca
These are terms people used to find your site.

2011-08-08
Cerca Visualizzazioni
sentenze tar campania convivenza 2
monitoria di sgombero per finita locazione commerciale 2
decreto di rilascio alloggio illegittimità 1
regolamento abitazioni iacp 1
termini ordinanza sgombero 1
sentenze comune inadempienza fondi regionali 1
decadenza erp consiglio stato 2011 1
fac simile ricorso amministrativo 1
pagamento somme a titolo di occupazione indebita al demanio prescrizione. 1
riscatto anticipato alloggio iacp 1
sfratto decreto ingiuntivo litispendenza 1
abusiva occupazione di terreno di proprietà di un ente pubblico 1
appinter.csm.it 1
occupazione senza titolo procedura erp 1
ricorso avverso decreto di rilascio ater 1
procedimento ammnistrativo per occupazione abusiva erp ricorso al tarr 1
commenti d. lgs 79/2011 1
iacp cambio consensuale alloggio 1
“impianto normativo organizzativo della regione lombardia” 1
quale è il termine di legge per impugnare il provvedimento di decadenza assegnazione alloggio ater 1
politiche abitative graduatoria per chi a fatto domanda per casa popolare 1
mediazione obbligatoria per intimazione di sfratto 1
tribunale di sanremo giudice civile monocratico 1
ricorso straordinario al presidente della repubblica fac simile 1
Other search terms 19
Total views referred by search engines 45
Click Your visitors clicked these links on your site.2011-08-08
URL Click it.wordpress.com/tag/case-sociali-in-altri-stati 1
Total clicks on links on your blog 1
Tuesday, August 9, 2011
Cerca Visualizzazioni nel mio sito fatte dai lettori
ordinanza sgombero iacp 2
richiesta “borsa viveri” 2
giurisdizione decreto rilascio alloggio popolare:tar 2011 1
comunicazione questura inquilino pluralità 1
prescrizione biennale applicazione contratto locazione 1
scardaoni francesca 1
riscontro e-mail 1
mancato pagamento canoni ai sensi dpr 28 aprile 1938 n. 1165 1
sentenze consiglio di stato in merito alla decadenza dagli alloggi di erp 1
ricorso straordinario al presidente della repubblica termini per resistere in giudizio 1
domanda emergenza abitativa torino 2011 1
qual’e’ il reddito per il subentro alloggio comunale 1
litispendenza tra procedimento ordinario e speciale convalida di sfratto 1
morte dell’ assegnatario ina casa a chi va asseganto l’ allogio 1
decreto esecutivo alloggi popolari: tar 2011 1
fac-simile diffida stragiudiziale 1
le famiglie con sfratto possono partecipare al bando per le case popolare 1
ricorso straordinario al presidente della repubblica fac simile 1
comune di cavriago particolarità 1
legge sospensione locatore dimostri trovarsi medesime condizioni 1
giurisdizione rilascio alloggio popolare: cassazione 2011 1
ospitalità temporanea alloggi iacp taranto 1
morire in strada 1
case popolari napoli vendita rione luzzatti 1
Other search terms 9
Total views referred by search engines 35
Click Your visitors clicked these links on your site.

Referente Visualizzazioni 10 agosto 2011
10.146.1.248:15871/cgi-bin/blockOptions.cgi?ws-session=313981370 1
Total views referred by links to your blog 1
Classifica Articoli e Pagine These posts on your site got the most traffic.
Home page 3
ricorso in ex articolo 700 cpc-fonte di riferimento:www.appinter.csm.it/incontri/vis_relaz_inc.php?& 2
DISPOSIZIONI AL CPC : ALCUNI ARTICOLI IN INDIRIZZO 2
Alcune Leggi di riferimento. 1
http://www.formez.it;www.governo.it.Permalink: https://enzuccio62.wordpress.com/2011/07/13/828/,ricerche su mio blog ,con assiduità ,tesi di riferimento. 1
Fac simile di regolamento comunale – Regione Piemonte 1
ASPETTI CONTROVERSI IN TEMA DI COMPETENZA E RITO LOCATIZIO (artt. 8, comma 2, n. 3 e 447 bis c.p.c.) 1
Alcuni riferimenti su domande IACP 1
Processo amministrativo – annullamento – diversi provvedimenti – legittimità – insussistenza [L. 241/1990] 1
case sociali 1
fac simile di ricorso straordinario 1
tesi di opposizione alla decadenza -tesi fondata su alcune discrepanze amministrative 1
case sociali-commenti personali 1
Legge dello stato :ex Ina casa per lavoratori 1
articolo 21 quater legge 241/90 autotutela dell’atto, legge 15/2005 1
ricerca in rete occupante senza titolo alloggio popolare 1
CORTE DEI CONTI SEZ. AUTONOMIE 1
Illegittimità costituzionale art. 34 (parziale), legge 27.07.1978 1
Procedura per Assegnazione alloggi POPOLARI 1

Termini ricercati nei motori di ricerca These are terms people used to find your site.

Oggi 10 agosto 2011
Cerca Visualizzazioni
natura dpr 1035 72 2
assegnazione alloggi popolari 1
occupazione casa senza titolo reato penale 1
causa sfratto finita locazione tempi di dilazione 1
fac simile assegnazione alloggio 1
l’indennità di occupazione abusiva di immobili erp è di natura triburtaria 1
iacp: cosa devono fare i figli di un assegnatario al momento del suo decesso? 1
notificazione a mezzo servizio postale 1
to locatizio 1
art 678 cpc 1
processato giuseppe farina 1
social husing traduci 1
ricorso straordinario al presidente della repubblica fac simile 1
formula riassunzione della causa art. 303 c.p.c. 1
legge regionale 12/99 rientro nell’alloggio 1
21 quinques 241/90 1
700 appinter 1
decreto ingiuntivo provvisoriamente esecutivo sospensione feriale 1
tutela cautelare appinter 1
Total views referred by search engines 20 ClickYour visitors clicked these links on your site.
Top Posts (la scorsa settimana)
fac simile di ricorso straordinario 10 visite
TESTI PIU’ RICERCATI E CONSIGLIATI DA MOTORE DI RICERCA IN ALTERNATIVA AL MIO SITO :IL MOTORE NE INDIRIZZA WWW.GOOGLE/TAG /CASE POPOLARI .IT 8 visite
giurisprudenza -in materia di locazione 8 visite
MEDIAZIONE CIVILE E COMMERCIALE: D.LGS.28/2010 7 visite
locazione:fonte di riferimento:www.confappi.it/upload/notizie/ -www.google.it 6 visite
ricorso in ex articolo 700 cpc-fonte di riferimento:www.appinter.csm.it/incontri/vis_relaz_inc.php?& 6 visite
DECADENZA DEI BENEFICI alloggio pubblico per occupazione senza titolo sgombero da casa popolare – 5 visite
sentenza Tar opposizione alla decadenza dei benefici casa popolare 5 Più ricercati:
immobile sine titulo rito locatizio ordinario 447-bis sentenza cassazione, ricorso al tar per procedimento amministrativo occupante abusivo, col nuovo piano casa di agosto 2011 come andrà con le vendite ater della legge 42 del 1991, natura dpr 1035 72, ricorso straordinario al presidente della repubblica fac simile
Most Active (il giorno prima)
ricorso in ex articolo 700 cpc-fonte di riferimento:www.appinter.csm.it/incontri/vis_relaz_inc.php?& 2 visite
DISPOSIZIONI AL CPC : ALCUNI ARTICOLI IN INDIRIZZO 2 visite
Illegittimità costituzionale art. 34 (parziale), legge 27.07.1978 1 visite
ricerca in rete occupante senza titolo alloggio popolare 1 visite
fac simile di ricorso straordinario 1 visite-Cerca Visualizzazioni 10 agosto 2011
ordinanza sgombero immobile erp cassazione 2011 -2
natura dpr 1035 72 2
periculum alloggi popolari: cassazione 2011 2
assegnazione alloggi popolari 1
appinter csm 1
occupazione casa senza titolo reato penale 1
decreto ingiuntivo r.d. 639/1910 termini di sospensione feriale 1
occupazione abusiva demanio marittimo termine per proporre ricorso avverso alla richiesta di pagamento indennizzo 1
fac simile assegnazione alloggio 1
causa sfratto finita locazione tempi di dilazione 1
notificazione a mezzo servizio postale 1
decreto ingiuntivo provvisoriamente esecutivo sospensione feriale 1
graduatoria alloggi popolari caltanissetta 1
iacp: cosa devono fare i figli di un assegnatario al momento del suo decesso? 1
regione campania convenzione tipo per concessione interventi edilizia residenziale pubblica 1
alice risposta mail di ricevimento 1
to locatizio 1
processato giuseppe farina 1
di girolamo asili notturni *( INTERPELLATOMI SUL MIO SITO)1
fac simile diffida silenzio rifiuto 1
social housing traduci 1
categoria catastale a/2 classe 1 rendita comune di settimo torinese 1
formula riassunzione della causa art. 303 c.p.c. 1
ricorso straordinario al presidente della repubblica fac simile 1
Other search terms 8
Total views referred by search engines 35
Click Your visitors clicked these links on your sito iei in data.10 agosto 2011:Titolo Visualizzazioni
Home page 10
ricorso in ex articolo 700 cpc-fonte di riferimento:www.appinter.csm.it/incontri/vis_relaz_inc.php?& 4
IN TEMA DI DISAGIO ABITATIVO – LEGGE N. 21 DEL 2001- 2
DISPOSIZIONI AL CPC : ALCUNI ARTICOLI IN INDIRIZZO 2
Sgombero di alloggio occupato abusivamente 1
CORTE DEI CONTI SEZ. AUTONOMIE 1
Processo amministrativo – annullamento – diversi provvedimenti – legittimità – insussistenza [L. 241/1990] 1
fac simile di ricorso straordinario 1
Alcune Leggi di riferimento. 1
ricerca in rete occupante senza titolo alloggio popolare 1
Fac simile di regolamento comunale – Regione Piemonte 1
FAC SIMILE STRALCIO DELLA LEGGE REGIONE PIEMONTE ASSEGNAZIONI E REVOCA CASA POPOLARE -LEGGE REGIONE PIEMONTE N.46/95 1
Alcuni riferimenti su domande IACP 1
case sociali 1
articolo 21 quater legge 241/90 autotutela dell’atto, legge 15/2005 1
http://www.formez.it;www.governo.it.Permalink: https://enzuccio62.wordpress.com/2011/07/13/828/,ricerche su mio blog ,con assiduità ,tesi di riferimento. 1
decreto decadenza 1
case sociali-commenti personali 1
Procedura per Assegnazione alloggi POPOLARI 1
ASPETTI CONTROVERSI IN TEMA DI COMPETENZA E RITO LOCATIZIO (artt. 8, comma 2, n. 3 e 447 bis c.p.c.) 1
Illegittimità costituzionale art. 34 (parziale), legge 27.07.1978 1
alcune e mail inviate ,senza risposta 1
Legge dello stato :ex Ina casa per lavoratori 1
tesi di opposizione alla decadenza -tesi fondata su alcune discrepanze amministrative 1
Other posts 2 -Total views of posts on your blog 40
Thursday, August 11, 2011
Cerca Visualizzazioni 1
comparsa di risposta ex art. 30 l 392 /78 resistente 1 *
Total views referred by search engines 1*
Click Your visitors clicked these links on your site.
Oggi in data 11 agosto-2011.*riscontro in rete ed evidenziato sul mio sito in dirizzo ad:fonte di riferimento:www.personaedanno.it/cms/data/articoli/files/000531_resource1_orig.doc-sentenza in opposizione articoli 55,56 legge 392/78,ex articolo 6 legge 431/98
Thursday, August 11, 2011
google.it case popolari a roma la voltura 2
contratto di locazione concordato si puo’ fare a san cataldo caltanissetta ? 2
richiesta di sanare il debito 1
locazione mediazione obbligatoria 1
gip tribunale di salerno 12.7.2000 1
scritti difensivi alla regione siciliana assessorato territorio ed ambiente 1
comune assegnazione temporanea popolare 1
comparsa di risposta ex art. 30 l 392 /78 resistente 1
fac simile domanda sanatoria occupazione abusiva case popolari 1
disdetta per finita locazione con proprietario 1
regione piemonte bur 1
via guastalla 8 avvocatura comunale milano 1
Total views referred by search engines 14 Click
Your visitors clicked these links on your site.

Oggi data 12 agosto 2011

Dpr 184/2006.elenco *
Monday, September 5, 2011
Termini ricercati nei motori di ricerca
2011-09-05
Cercato dagli utenti Visualizzazioni
ricorso per decreto di rilascio alloggio case popolari roma 3
locazioni arbitrato o mediazione obbligatoria 2
giudizio di ottemperanza per decreti ex l pinto tar trento 2
fac simile ordine di rilascio alloggio popolare 2
prescrizione canone alloggi erp 2948 1
alloggi popolari eredi 1
e-mail annamaria addante presidente associazione i 1
reclamo al collegio avverso ordinanza 1
decadenza beneficio sospensione locazione 1
mediazione obbligatoria materie condominio 1
graduatoria alloggi popolari napoli 2011 1
esecuzione sgombero edilizia pubblica residenziale 1
impiegato statale riammissione in servizio per mancanza di procedimento disciplinare con condanna penale rimborso in integrum arretrati 1
“canone differenziato” “uso abitativo” 1
ricorso per decreto ingiuntivo indennità di avviamento commerciale formula 1
riscatto alloggio abilag 1
disdetta contratto fotto fondo rustico 1
fac simile opposizione a decreto ingiuntivo canoni di locazione 1
696 bis sospensione feriale 1
447 bis cpc fac simile 1
fac simile di diffida al comune 1
prescrizione canoni edilizia popolare 1
segnalazione per occupazione abusiva di alloggio 1
sfratto morosità litispendenza 1
Tuesday, September 6, 2011
Termini ricercati nei motori di ricerca
These are terms people used to find your site.
Ieri
Cercato dagli utenti Visualizzazioni
ricorso straordinario al presidente della repubblica fac simile 3
rilascio alloggio atc ricorso tar modello 3
ordinanza sgombero alloggi iacp 2
azione possessorie appinter csm 2
art 447 bis c.p.c. alloggi erp 2
mediazione obbligatoria comodato rilascio immobile 2
ricorso al tar avverso ordinanza di sgombero alloggio ater 2
ricorso prefetto diniego iscrizione anagrafica 1
avv maurizio oliva roma 2011 1
occupazione senza titolo case popolari 1
atto di citazione tribunale fac simile 1
provvedimento di decadenza assegnazione alloggio ater impugnazione 1
alloggi demaniali 1
art. 79 l. 392 78 sospensione feriale 1
occupante senza titolo 1
impianto normativo-organizzativo della regione lombardia 1
cessione diretta immobili comunali corte dei conti 1
app.inter csm 1
cassazione 29.01.1990 n. 540 1
700 cpc csm 1
il diritto di prelazione si paga nellaa regione sarda dovendo comprare casa iacp 1
occupazione di immobile senza titolo e ricorso ex art. 700 c.p.c formulario 1
requisizione alloggio pagamento canone 1
ricorso al tar avverso ordinanza di sgombero 1
Other search terms 31
64
Oggi 7 settembre 2001 ricercato sul mio sito dagli utenti
Titolo Visualizzazioni
Home page 2
TESTI PIU’ RICERCATI E CONSIGLIATI DA MOTORE DI RICERCA IN ALTERNATIVA AL MIO SITO :IL MOTORE NE INDIRIZZA WWW.GOOGLE/TAG /CASE POPOLARI .IT 1
FAC SIMILE DI ATTO DI DIFFIDA STRAGIUDIZIALE 1
ricerca in rete occupante senza titolo alloggio popolare 1
Total views of posts on your blog 5

Termini ricercati nei motori di ricerca

Oggi
Cercato dagli utenti Visualizzazioni
occupazione senza titolo immobile intimazione bozza 3
iacp immobili popolari subaffitto reato 1
annamaria addante presidente associazione inquilini e proprietari iacp-ater 1
Total views referred by search engines 5
Click
Your visitors clicked these links on your site.
Oggi 7 settembre 2011
No data.Top Posts (la scorsa settimana)
TESTI PIU’ RICERCATI E CONSIGLIATI DA MOTORE DI RICERCA IN ALTERNATIVA AL MIO SITO :IL MOTORE NE INDIRIZZA WWW.GOOGLE/TAG /CASE POPOLARI .IT 22 visite
ricerche evidenziate dalmotore di ricerca in indirizzo per mezzo del mio sito 14 visite
fac simile di ricorso straordinario 13 visite
termini evidenziati sul mio sito – termini più ricercati – in allegato :wordpress.it/tag case popolari. 12 visite
ricorso in ex articolo 700 cpc-fonte di riferimento:www.appinter.csm.it/incontri/vis_relaz_inc.php?& 12 visite
cenni :MEDIAZIONE OBBLIGATORIA: LE MATERIE SCELTE 8 visite
visualizzazioni nuova pagina tratto da http://www.federcasa.it/pareri/2002/gestione/2003 8 visite
DECADENZA DEI BENEFICI alloggio pubblico per occupazione senza titolo sgombero da casa popolare – 5 visite
Più ricercati:
ricorso straordinario al presidente della repubblica fac simile, occupazione senza titolo immobile intimazione bozza, rilascio alloggio atc ricorso tar modello, ricorso per decreto di rilascio alloggio case popolari roma, spese condominiali atc prescrizione biennale
Most Active (il giorno prima)
FAC SIMILE DI ATTO DI DIFFIDA STRAGIUDIZIALE
1 visite

TESTI PIU’ RICERCATI E CONSIGLIATI DA MOTORE DI RICERCA IN ALTERNATIVA AL MIO SITO :IL MOTORE NE INDIRIZZA WWW.GOOGLE/TAG /CASE POPOLARI .IT
1 visite

ricerca in rete occupante senza titolo alloggio popolare
1 visite

Tag: ,

Una Risposta to “visualizzazioni:tag case popolari”

  1. enzuccio62 Says:

    13.731 viste dall’inizio del blog
    Home Page : Articolo mediazione :articolo 667 del codice di procedura civile
    Per quali controversie e’ obbligatorio il procedimento di mediazione? Quando il giudice puo’ invitare le parti a procedere alla mediazione? Quali sono i rapporti con il processo? – Mediazione civile e commerciale – Guida breve (6)
    del 19/03/2010 -19:28:06, in Guida mediazione civile, Secondo l’art. 5 (“Condizione di procedibilita’ e rapporti con il processo”), comma 1, del decreto legislativo 28/2010 sulla mediazione civile e commerciale, chi intende esercitare in giudizio un’azione relativa ad una controversia in materia di
    condominio,
    diritti reali,
    divisione,
    successioni ereditarie,
    patti di famiglia,
    locazione,
    comodato,
    affitto di aziende,
    risarcimento del danno derivante dalla circolazione di veicoli e natanti,
    da responsabilita’ medica e da diffamazione con il mezzo della stampa o con altro mezzo di pubblicita’,
    contratti assicurativi, bancari e finanziari,
    e’ tenuto preliminarmente a esperire il procedimento di mediazione ai sensi del decreto 28/2010 ovvero il procedimento di conciliazione previsto dal decreto legislativo 8 ottobre 2007, n. 179, ovvero il procedimento istituito in attuazione dell’articolo 128-bis del testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia di cui al decreto legislativo 1° settembre 1993, n. 385, e successive modificazioni, per le materie ivi regolate.

    L’esperimento del procedimento di mediazione e’ condizione di procedibilita’ della domanda giudiziale.
    L’improcedibilita’ deve essere eccepita dal convenuto, a pena di decadenza, o rilevata d’ufficio dal giudice, non oltre la prima udienza. Il giudice ove rilevi che la mediazione e’ gia’ iniziata, ma non si e’ conclusa, fissa la successiva udienza dopo la scadenza del termine di cui all’articolo 6 del decreto 28/2010. Allo stesso modo provvede quando la mediazione non e’ stata esperita, assegnando contestualmente alle parti il termine di quindici giorni per la presentazione della domanda di mediazione.
    Il comma 1 dell’art. 5 del decreto legislativo 28/2010 non si applica alle azioni previste dagli articoli 37, 140 e 140-bis del codice del consumo di cui al decreto legislativo 6 settembre 2005, n. 206, e successive modificazioni.

    Stabilisce il comma 2 dell’art. 5 del decreto legislativo 28/2010 che, fermo quanto previsto dal comma 1 e salvo quanto disposto dai commi 3 e 4, il giudice, anche in sede di giudizio di appello, valutata la natura della causa, lo stato dell’istruzione e il comportamento delle parti, puo’ invitare le stesse a procedere alla mediazione.
    L’invito deve essere rivolto alle parti prima dell’udienza di precisazione delle conclusioni ovvero, quando tale udienza non e’ prevista, prima della discussione della causa. Se le parti aderiscono all’invito, il giudice fissa la successiva udienza dopo la scadenza del termine di cui all’articolo 6 del decreto 28/2010 e, quando la mediazione non e’ gia’ stata avviata, assegna contestualmente alle parti il termine di quindici giorni per la presentazione della domanda di mediazione.

    Quanto sopra non si applica (art. 5, comma 4):
    a) nei procedimenti per ingiunzione, inclusa l’opposizione, fino
    alla pronuncia sulle istanze di concessione e sospensione della
    provvisoria esecuzione;
    b) nei procedimenti per convalida di licenza o sfratto, fino al
    mutamento del rito di cui all’articolo 667 del codice di procedura
    civile;
    c) nei procedimenti possessori, fino alla pronuncia dei
    provvedimenti di cui all’articolo 703, terzo comma, del codice di
    procedura civile;
    d) nei procedimenti di opposizione o incidentali di cognizione
    relativi all’esecuzione forzata;
    e) nei procedimenti in camera di consiglio;
    f) nell’azione civile esercitata nel processo penale.

    Lo svolgimento della mediazione non preclude in ogni caso la concessione dei provvedimenti urgenti e cautelari, ne’ la trascrizione della domanda giudiziale (art. 5, comma 3).

    Fermo quanto previsto dal comma 1 dell’art. 5 e salvo quanto disposto dai commi 3 e 4, se il contratto, lo statuto ovvero l’atto costitutivo dell’ente prevedono una clausola di mediazione o conciliazione e il tentativo non risulta esperito, il giudice o l’arbitro, su eccezione di parte, proposta nella prima difesa, assegna alle parti il termine di quindici giorni per la presentazione della domanda di mediazione e fissa la successiva udienza dopo la scadenza del termine di cui all’articolo 6. Allo stesso modo il giudice o l’arbitro fissa la successiva udienza quando la mediazione o il tentativo di conciliazione sono iniziati, ma non conclusi. La domanda e’ presentata davanti all’organismo indicato dalla clausola, se iscritto nel registro, ovvero, in mancanza, davanti ad un altro organismo iscritto, fermo il rispetto del criterio di cui all’articolo 4, comma 1. In ogni caso, le parti possono concordare, successivamente al contratto o allo statuto o all’atto costitutivo, l’individuazione di un diverso organismo iscritto.

    Prevede infine l’art. 5, comma 6, del decreto legislativo 28/2010 che dal momento della comunicazione alle altre parti la domanda di mediazione produce sulla prescrizione gli effetti della domanda giudiziale. Dalla stessa data, la domanda di mediazione impedisce altresi’ la decadenza per una sola volta, ma se il tentativo fallisce la domanda giudiziale deve essere proposta entro il medesimo termine di decadenza, decorrente dal deposito del verbale di cui all’articolo 11 del decreto 28/2010 presso la segreteria dell’organismo.
    Deflazionare il sistema giudiziario italiano rispetto al carico degli arretrati e al rischio di accumulare nuovo ritardo.
    E’ questa la finalità del nuovo istituto della mediazione civile e commerciale, approvato con il decreto legislativo 4 marzo 2010, n. 28 (Gazzetta Ufficiale 5 marzo 2010, n. 53) attuativo della riforma del processo civile (Legge 69/2009).
    Si tratta di una novità che, a regime, è destinata a modificare la mappatura del processo civile.
    E’ definita mediazione l’attività, comunque denominata, svolta da un terzo imparziale e finalizzata ad assistere due o più soggetti:
    · sia nella ricerca di un accordo amichevole per la composizione di una controversia (c.d. mediazione compositiva);
    · sia nella formulazione di una proposta per la risoluzione della controversia (c.d. mediazione propositiva).
    La mediazione è lo strumento per addivenire alla conciliazione; per arrivare a ciò, vi è il supporto degli organismi, ovvero enti pubblici o privati, abilitati a svolgere il procedimento di mediazione (senza l’autorità per imporre una soluzione), iscritti in un registro istituito con decreto del Ministro della Giustizia.
    Libertà di forme
    Chiunque può accedere alla mediazione, purchè si pongano questioni inerenti diritti disponibili, senza escludere aprioristicamente forme di negoziazione.
    Non sono previste formalità particolari ed è possibile utilizzare anche modalità telematiche.
    E’ sufficiente presentare un’istanza presso l’organismo competente, indicando:
    · l’organismo;
    · le parti;
    · l’oggetto;
    · le ragioni della pretesa (c.d. causa petendi).
    E’ prevista una sorta di litispendenza: in caso di più domande relative alla stessa controversia, la mediazione si svolge davanti all’organismo presso il quale è stata presentata la prima domanda (il tempo della domanda si individua con la data della ricezione della comunicazione).
    Tutti gli atti, documenti e provvedimenti relativi al procedimento di mediazione sono esenti dall’imposta di bollo e da ogni altra spesa, tassa o diritto di qualsiasi specie e natura, ex art. 17.
    Tuttavia, va evidenziato che vi è un nuovo obbligo per l’avvocato, che deve informare l’assistito in modo chiaro e per iscritto, nel primo colloquio, della possibilità di avvalersi del procedimento di mediazione; il documento così formato e sottoscritto dal cliente dovrà essere allegato all’atto introduttivo nell’eventuale giudizio; diversamente, sarà il giudice ad informare la parte della facoltà di intraprendere un procedimento di mediazione.
    I tipi di mediazione
    Sono stati previsti, essenzialmente, tre tipi di mediazione:
    1) facoltativa, quando viene liberamente scelta dalle parti;
    2) obbligatoria (entrerà in vigore decorsi dodici mesi dalla data di entrata in vigore del decreto, di cui si discorre, ex art. 24), quando è imposta dalla legge; il procedimento di mediazione deve essere esperito, a pena di improcedibilità (da eccepire nel primo atto difensivo dal convenuto, oppure dal giudice non oltre la prima udienza), nei casi di controversie relative a:
    · condominio;
    · diritti reali;
    · divisione;
    · successioni ereditarie;
    · patti di famiglia;
    · locazione;
    · comodato;
    · affitto di azienda;
    · risarcimento del danno derivante dalla circolazione di veicoli e natanti;
    · risarcimento del danno derivante da responsabilità medica;
    · risarcimento del danno derivante da diffamazione con il mezzo della stampa o altro mezzo di pubblicità;
    · contratti assicurativi, bancari e finanziari;
    3) giudiziale, quando è il giudice ad invitare le parte ad intraprendere un percorso di mediazione (con ordinanza); l’invito potrà essere fatto in qualunque momento, purchè prima dell’udienza di precisazione delle conclusioni ovvero, quando tale udienza non è prevista, prima della discussione della causa.
    L’istituto della mediazione non può riguardare:
    · i procedimenti per ingiunzione, inclusa l’opposizione, fino alla pronuncia sulle istanze di concessione e sospensione della provvisoria esecuzione;
    · i procedimenti per convalida di licenza o sfratto, fino al mutamento di rito di cui all’art. 667 c.p.c.;
    · i procedimenti possessori, fino alla pronuncia dei provvedimenti di cui all’art. 703 c.p.c., comma 3, c.p.c.;
    · i procedimenti di opposizione o incidentali di cognizione, relativi all’esecuzione forzata;
    · i procedimenti in camera di consiglio;
    · l’azione civile esercitata nel processo penale.
    Procedimento
    Il procedimento di mediazione ha una durata di quattro mesi:
    Viene presentata la domanda di mediazione

    il responsabile dell’organismo designa un mediatore, fissando il primo incontro tra le parti (non oltre quindi giorni dal deposito della domanda)

    viene data comunicazione all’altra parte (se sono necessarie competenze tecniche particolari, l’organismo nomina uno o più mediatori ausiliari)

    il mediatore cerca un accordo amichevole:

    1)se si raggiunge l’accordo (conciliazione), il mediatore redige processo verbale, sottoscritto dalle parti↓l’accordo (non contrario all’ordine pubblico o a norme imperative), che può prevedere il pagamento di somme di denaro per ogni violazione ulteriore o inosservanza, viene omologato con decreto del Presidente del Tribunale, nel cui circondario ha sede l’organismo, previo accertamento della regolarità formale;il verbale omologato è titolo esecutivo per l’espropriazione forzata, per l’esecuzione in forma specifica e per l’iscrizione di ipoteca giudiziale; 2)se non si raggiunge l’accordo (conciliazione), il mediatore forma processo verbale con l’indicazione della proposta e delle ragioni del mancato accordo↓inizia il processo civile↓quando il provvedimento che definisce il giudizio corrisponde interamente al contenuto della proposta conciliativa, il giudice:a) esclude la ripetizione delle spese della parte vincitrice che ha rifiutato la proposta, relativamente al periodo successivo alla stessa;b) condanna al pagamento delle spese processuali di controparte;c) condanna al versamento di un’ulteriore somma, di importo corrispondente al contributo unificato dovuto.
    Riservatezza
    Chiunque presta la propria opera o il proprio servizio nell’organismo è tenuto all’obbligo di riservatezza, rispetto alle dichiarazioni rese ed alle informazioni acquisite durante il procedimento di mediazione, ex art. 9.
    Salvo diverso accordo delle parti, le dichiarazioni rese o le informazioni acquisite nel corso del procedimento non possono essere utilizzate nel giudizio avente il medesimo oggetto anche parziale, iniziato o riassunto a seguito dell’insuccesso della mediazione.
    Il mediatore non può essere tenuto a deporre sulle dichiarazioni delle parti, conosciute nel procedimento di mediazione, fruendo delle garanzie di libertà del difensore, ex art. 103 c.p.p., nonché della disciplina sul segreto professionale, ex art. 200 c.p.p..
    Organismi di conciliazione
    Gli organismi deputati alla mediazione saranno enti pubblici o privati, che diano garanzia di serietà ed efficienza, iscritti in un registro.
    I consigli dell’ordine degli avvocati, ma anche di altri ordini professionali, potranno istituire organismi, avvalendosi del proprio personale e dei propri locali.
    Sarà istituito presso il Ministero della Giustizia l’albo dei formatori per la mediazione.
    (Altalex, 8 marzo 2010. Nota di Luigi Viola. Vedi anche il parere del CNF)

    Come diventare mediatoreClicca qui per consultare le pagine dei corsi diAltalex Formazione a Roma, Bologna e MIlano

    | mediazione civile | processo civile | conciliazione | controversie civili | controversie commerciali |

    – Collana i codici Altalex –
    Codice della mediazione e della conciliazione commentato
    Aggiornato alla L. n. 10/2011 – Entra e consulta la scheda del libro!

    DECRETO LEGISLATIVO 4 marzo 2010, n. 28
    Attuazione dell’articolo 60 della legge 18 giugno 2009, n. 69, in materia di mediazione finalizzata alla conciliazione delle controversie civili e commerciali. (10G0050)
    (GU n. 53 del 5-3-2010)
    IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA
    Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione; Visto l’articolo 60 della legge 19 giugno 2009, n. 69, recante delega al Governo in materia di mediazione e di conciliazione delle controversie civili e commerciali;
    Vista la direttiva 2008/52/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 21 maggio 2008, relativa a determinati aspetti della mediazione in materia civile e commerciale;
    Vista la preliminare deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella riunione del 28 ottobre 2009;
    Acquisiti i pareri delle competenti Commissioni della Camera dei deputati e del Senato della Repubblica;
    Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella riunione del 19 febbraio 2010;
    Sulla proposta del Ministro della giustizia;
    Emana il seguente decreto legislativo:
    Capo I
    DISPOSIZIONI GENERALI

    Art. 1

    Definizioni
    1. Ai fini del presente decreto legislativo, si intende per: a) mediazione: l’attivita’, comunque denominata, svolta da un terzo imparziale e finalizzata ad assistere due o piu’ soggetti sia nella ricerca di un accordo amichevole per la composizione di una controversia, sia nella formulazione di una proposta per la risoluzione della stessa; b) mediatore: la persona o le persone fisiche che, individualmente o collegialmente, svolgono la mediazione rimanendo prive, in ogni caso, del potere di rendere giudizi o decisioni vincolanti per i destinatari del servizio medesimo; c) conciliazione: la composizione di una controversia a seguito dello svolgimento della mediazione; d) organismo: l’ente pubblico o privato, presso il quale puo’ svolgersi il procedimento di mediazione ai sensi del presente decreto; e) registro: il registro degli organismi istituito con decreto del Ministro della giustizia ai sensi dell’articolo 16 del presente decreto, nonche’, sino all’emanazione di tale decreto, il registro degli organismi istituito con il decreto del Ministro della giustizia 23 luglio 2004, n. 222.
    Art. 2

    Controversie oggetto di mediazione
    1. Chiunque puo’ accedere alla mediazione per la conciliazione di una controversia civile e commerciale vertente su diritti disponibili, secondo le disposizioni del presente decreto.
    2. Il presente decreto non preclude le negoziazioni volontarie e paritetiche relative alle controversie civili e commerciali, ne’ le procedure di reclamo previste dalle carte dei servizi.
    Capo II
    DEL PROCEDIMENTO DI MEDIAZIONE

    Art. 3

    Disciplina applicabile e forma degli atti
    1. Al procedimento di mediazione si applica il regolamento dell’organismo scelto dalle parti.
    2. Il regolamento deve in ogni caso garantire la riservatezza del procedimento ai sensi dell’articolo 9, nonche’ modalita’ di nomina del mediatore che ne assicurano l’imparzialita’ e l’idoneita’ al corretto e sollecito espletamento dell’incarico.
    3. Gli atti del procedimento di mediazione non sono soggetti a formalita’.
    4. La mediazione puo’ svolgersi secondo modalita’ telematiche previste dal regolamento dell’organismo.
    Capo II
    DEL PROCEDIMENTO DI MEDIAZIONE
    Art. 4

    Accesso alla mediazione
    1. La domanda di mediazione relativa alle controversie di cui all’articolo 2 e’ presentata mediante deposito di un’istanza presso un organismo. In caso di piu’ domande relative alla stessa controversia, la mediazione si svolge davanti all’organismo presso il quale e’ stata presentata la prima domanda. Per determinare il tempo della domanda si ha riguardo alla data della ricezione della comunicazione.
    2. L’istanza deve indicare l’organismo, le parti, l’oggetto e le ragioni della pretesa.
    3. All’atto del conferimento dell’incarico, l’avvocato e’ tenuto a informare l’assistito della possibilita’ di avvalersi del procedimento di mediazione disciplinato dal presente decreto e delle agevolazioni fiscali di cui agli articoli 17 e 20. L’avvocato informa altresi’ l’assistito dei casi in cui l’esperimento del procedimento di mediazione e’ condizione di procedibilita’ della domanda giudiziale. L’informazione deve essere fornita chiaramente e per iscritto. In caso di violazione degli obblighi di informazione, il contratto tra l’avvocato e l’assistito e’ annullabile. Il documento che contiene l’informazione e’ sottoscritto dall’assistito e deve essere allegato all’atto introduttivo dell’eventuale giudizio. Il giudice che verifica la mancata allegazione del documento, se non provvede ai sensi dell’articolo 5, comma 1, informa la parte della facolta’ di chiedere la mediazione.
    Art. 5

    Condizione di procedibilita’ e rapporti con il processo
    1. Chi intende esercitare in giudizio un’azione relativa ad una controversia in materia di condominio, diritti reali, divisione, successioni ereditarie, patti di famiglia, locazione, comodato, affitto di aziende, risarcimento del danno derivante dalla circolazione di veicoli e natanti, da responsabilita’ medica e da diffamazione con il mezzo della stampa o con altro mezzo di pubblicita’, contratti assicurativi, bancari e finanziari, e’ tenuto preliminarmente a esperire il procedimento di mediazione ai sensi del presente decreto ovvero il procedimento di conciliazione previsto dal decreto legislativo 8 ottobre 2007, n. 179, ovvero il procedimento istituito in attuazione dell’articolo 128-bis del testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia di cui al decreto legislativo 1° settembre 1993, n. 385, e successive modificazioni, per le materie ivi regolate. L’esperimento del procedimento di mediazione e’ condizione di procedibilita’ della domanda giudiziale. L’improcedibilita’ deve essere eccepita dal convenuto, a pena di decadenza, o rilevata d’ufficio dal giudice, non oltre la prima udienza. Il giudice ove rilevi che la mediazione e’ gia’ iniziata, ma non si e’ conclusa, fissa la successiva udienza dopo la scadenza del termine di cui all’articolo 6. Allo stesso modo provvede quando la mediazione non e’ stata esperita, assegnando contestualmente alle parti il termine di quindici giorni per la presentazione della domanda di mediazione. Il presente comma non si applica alle azioni previste dagli articoli 37, 140 e 140-bis del codice del consumo di cui al decreto legislativo 6 settembre 2005, n. 206, e successive modificazioni.
    2. Fermo quanto previsto dal comma 1 e salvo quanto disposto dai commi 3 e 4, il giudice, anche in sede di giudizio di appello, valutata la natura della causa, lo stato dell’istruzione e il comportamento delle parti, puo’ invitare le stesse a procedere alla mediazione. L’invito deve essere rivolto alle parti prima dell’udienza di precisazione delle conclusioni ovvero, quando tale udienza non e’ prevista, prima della discussione della causa. Se le parti aderiscono all’invito, il giudice fissa la successiva udienza dopo la scadenza del termine di cui all’articolo 6 e, quando la mediazione non e’ gia’ stata avviata, assegna contestualmente alle parti il termine di quindici giorni per la presentazione della domanda di mediazione.
    3. Lo svolgimento della mediazione non preclude in ogni caso la concessione dei provvedimenti urgenti e cautelari, ne’ la trascrizione della domanda giudiziale.
    4. I commi 1 e 2 non si applicano: a) nei procedimenti per ingiunzione, inclusa l’opposizione, fino alla pronuncia sulle istanze di concessione e sospensione della provvisoria esecuzione; b) nei procedimenti per convalida di licenza o sfratto, fino al mutamento del rito di cui all’articolo 667 del codice di procedura civile; c) nei procedimenti possessori, fino alla pronuncia dei provvedimenti di cui all’articolo 703, terzo comma, del codice di procedura civile; d) nei procedimenti di opposizione o incidentali di cognizione relativi all’esecuzione forzata; e) nei procedimenti in camera di consiglio; f) nell’azione civile esercitata nel processo penale.
    5. Fermo quanto previsto dal comma 1 e salvo quanto disposto dai commi 3 e 4, se il contratto, lo statuto ovvero l’atto costitutivo dell’ente prevedono una clausola di mediazione o conciliazione e il tentativo non risulta esperito, il giudice o l’arbitro, su eccezione di parte, proposta nella prima difesa, assegna alle parti il termine di quindici giorni per la presentazione della domanda di mediazione e fissa la successiva udienza dopo la scadenza del termine di cui all’articolo 6. Allo stesso modo il giudice o l’arbitro fissa la successiva udienza quando la mediazione o il tentativo di conciliazione sono iniziati, ma non conclusi. La domanda e’ presentata davanti all’organismo indicato dalla clausola, se iscritto nel registro, ovvero, in mancanza, davanti ad un altro organismo iscritto, fermo il rispetto del criterio di cui all’articolo 4, comma 1. In ogni caso, le parti possono concordare, successivamente al contratto o allo statuto o all’atto costitutivo, l’individuazione di un diverso organismo iscritto.
    6. Dal momento della comunicazione alle altre parti, la domanda di mediazione produce sulla prescrizione gli effetti della domanda giudiziale. Dalla stessa data, la domanda di mediazione impedisce altresi’ la decadenza per una sola volta, ma se il tentativo fallisce la domanda giudiziale deve essere proposta entro il medesimo termine di decadenza, decorrente dal deposito del verbale di cui all’articolo 11 presso la segreteria dell’organismo.
    Art. 6

    Durata
    1. Il procedimento di mediazione ha una durata non superiore a quattro mesi.
    2. Il termine di cui al comma 1 decorre dalla data di deposito della domanda di mediazione, ovvero dalla scadenza di quello fissato dal giudice per il deposito della stessa e, anche nei casi in cui il giudice dispone il rinvio della causa ai sensi del quarto o del quinto periodo del comma 1 dell’articolo 5, non e’ soggetto a sospensione feriale.
    Art. 7

    Effetti sulla ragionevole durata del processo
    1. Il periodo di cui all’articolo 6 e il periodo del rinvio disposto dal giudice ai sensi dell’articolo 5, comma 1, non si computano ai fini di cui all’articolo 2 della legge 24 marzo 2001, n. 89.
    Art. 8

    Procedimento
    1. All’atto della presentazione della domanda di mediazione, il responsabile dell’organismo designa un mediatore e fissa il primo incontro tra le parti non oltre quindici giorni dal deposito della domanda. La domanda e la data del primo incontro sono comunicate all’altra parte con ogni mezzo idoneo ad assicurarne la ricezione, anche a cura della parte istante. Nelle controversie che richiedono specifiche competenze tecniche, l’organismo puo’ nominare uno o piu’ mediatori ausiliari.
    2. Il procedimento si svolge senza formalita’ presso la sede dell’organismo di mediazione o nel luogo indicato dal regolamento di procedura dell’organismo.
    3. Il mediatore si adopera affinche’ le parti raggiungano un accordo amichevole di definizione della controversia.
    4. Quando non puo’ procedere ai sensi del comma 1, ultimo periodo, il mediatore puo’ avvalersi di esperti iscritti negli albi dei consulenti presso i tribunali. Il regolamento di procedura dell’organismo deve prevedere le modalita’ di calcolo e liquidazione dei compensi spettanti agli esperti.
    5. Dalla mancata partecipazione senza giustificato motivo al procedimento di mediazione il giudice puo’ desumere argomenti di prova nel successivo giudizio ai sensi dell’articolo 116, secondo comma, del codice di procedura civile.
    Art. 9

    Dovere di riservatezza
    1. Chiunque presta la propria opera o il proprio servizio nell’organismo o comunque nell’ambito del procedimento di mediazione e’ tenuto all’obbligo di riservatezza rispetto alle dichiarazioni rese e alle informazioni acquisite durante il procedimento medesimo.
    2. Rispetto alle dichiarazioni rese e alle informazioni acquisite nel corso delle sessioni separate e salvo consenso della parte dichiarante o dalla quale provengono le informazioni, il mediatore e’ altresi’ tenuto alla riservatezza nei confronti delle altre parti.
    Art. 10

    Inutilizzabilita’ e segreto professionale
    1. Le dichiarazioni rese o le informazioni acquisite nel corso del procedimento di mediazione non possono essere utilizzate nel giudizio avente il medesimo oggetto anche parziale, iniziato, riassunto o proseguito dopo l’insuccesso della mediazione, salvo consenso della parte dichiarante o dalla quale provengono le informazioni. Sul contenuto delle stesse dichiarazioni e informazioni non e’ ammessa prova testimoniale e non puo’ essere deferito giuramento decisorio.
    2. Il mediatore non puo’ essere tenuto a deporre sul contenuto delle dichiarazioni rese e delle informazioni acquisite nel procedimento di mediazione, ne’ davanti all’autorita’ giudiziaria ne’ davanti ad altra autorita’. Al mediatore si applicano le disposizioni dell’articolo 200 del codice di procedura penale e si estendono le garanzie previste per il difensore dalle disposizioni dell’articolo 103 del codice di procedura penale in quanto applicabili.
    Art. 11

    Conciliazione
    1. Se e’ raggiunto un accordo amichevole, il mediatore forma processo verbale al quale e’ allegato il testo dell’accordo medesimo. Quando l’accordo non e’ raggiunto, il mediatore puo’ formulare una proposta di conciliazione. In ogni caso, il mediatore formula una proposta di conciliazione se le parti gliene fanno concorde richiesta in qualunque momento del procedimento. Prima della formulazione della proposta, il mediatore informa le parti delle possibili conseguenze di cui all’articolo 13.
    2. La proposta di conciliazione e’ comunicata alle parti per iscritto. Le parti fanno pervenire al mediatore, per iscritto ed entro sette giorni, l’accettazione o il rifiuto della proposta. In mancanza di risposta nel termine, la proposta si ha per rifiutata. Salvo diverso accordo delle parti, la proposta non puo’ contenere alcun riferimento alle dichiarazioni rese o alle informazioni acquisite nel corso del procedimento.
    3. Se e’ raggiunto l’accordo amichevole di cui al comma 1 ovvero se tutte le parti aderiscono alla proposta del mediatore, si forma processo verbale che deve essere sottoscritto dalle parti e dal mediatore, il quale certifica l’autografia della sottoscrizione delle parti o la loro impossibilita’ di sottoscrivere. Se con l’accordo le parti concludono uno dei contratti o compiono uno degli atti previsti dall’articolo 2643 del codice civile, per procedere alla trascrizione dello stesso la sottoscrizione del processo verbale deve essere autenticata da un pubblico ufficiale a cio’ autorizzato. L’accordo raggiunto, anche a seguito della proposta, puo’ prevedere il pagamento di una somma di denaro per ogni violazione o inosservanza degli obblighi stabiliti ovvero per il ritardo nel loro adempimento.
    4. Se la conciliazione non riesce, il mediatore forma processo verbale con l’indicazione della proposta; il verbale e’ sottoscritto dalle parti e dal mediatore, il quale certifica l’autografia della sottoscrizione delle parti o la loro impossibilita’ di sottoscrivere. Nello stesso verbale, il mediatore da’ atto della mancata partecipazione di una delle parti al procedimento di mediazione.
    5. Il processo verbale e’ depositato presso la segreteria dell’organismo e di esso e’ rilasciata copia alle parti che lo richiedono.
    Art. 12

    Efficacia esecutiva ed esecuzione
    1. Il verbale di accordo, il cui contenuto non e’ contrario all’ordine pubblico o a norme imperative, e’ omologato, su istanza di parte e previo accertamento anche della regolarita’ formale, con decreto del presidente del tribunale nel cui circondario ha sede l’organismo. Nelle controversie transfrontaliere di cui all’articolo 2 della direttiva 2008/52/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 21 maggio 2008, il verbale e’ omologato dal presidente del tribunale nel cui circondario l’accordo deve avere esecuzione.
    2. Il verbale di cui al comma 1 costituisce titolo esecutivo per l’espropriazione forzata, per l’esecuzione in forma specifica e per l’iscrizione di ipoteca giudiziale.
    Art. 13

    Spese processuali
    1. Quando il provvedimento che definisce il giudizio corrisponde interamente al contenuto della proposta, il giudice esclude la ripetizione delle spese sostenute dalla parte vincitrice che ha rifiutato la proposta, riferibili al periodo successivo alla formulazione della stessa, e la condanna al rimborso delle spese sostenute dalla parte soccombente relative allo stesso periodo, nonche’ al versamento all’entrata del bilancio dello Stato di un’ulteriore somma di importo corrispondente al contributo unificato dovuto. Resta ferma l’applicabilita’ degli articoli 92 e 96 del codice di procedura civile. Le disposizioni di cui al presente comma si applicano altresi’ alle spese per l’indennita’ corrisposta al mediatore e per il compenso dovuto all’esperto di cui all’articolo 8, comma 4.
    2. Quando il provvedimento che definisce il giudizio non corrisponde interamente al contenuto della proposta, il giudice, se ricorrono gravi ed eccezionali ragioni, puo’ nondimeno escludere la ripetizione delle spese sostenute dalla parte vincitrice per l’indennita’ corrisposta al mediatore e per il compenso dovuto all’esperto di cui all’articolo 8, comma
    3. Il giudice deve indicare esplicitamente, nella motivazione, le ragioni del provvedimento sulle spese di cui al periodo precedente.
    4. Salvo diverso accordo le disposizioni precedenti non si applicano ai procedimenti davanti agli arbitri.
    Art. 14

    Obblighi del mediatore
    1. Al mediatore e ai suoi ausiliari e’ fatto divieto di assumere diritti o obblighi connessi, direttamente o indirettamente, con gli affari trattati, fatta eccezione per quelli strettamente inerenti alla prestazione dell’opera o del servizio; e’ fatto loro divieto di percepire compensi direttamente dalle parti.
    2. Al mediatore e’ fatto, altresi’, obbligo di: a) sottoscrivere, per ciascun affare per il quale e’ designato, una dichiarazione di imparzialita’ secondo le formule previste dal regolamento di procedura applicabile, nonche’ gli ulteriori impegni eventualmente previsti dal medesimo regolamento; b) informare immediatamente l’organismo e le parti delle ragioni di possibile pregiudizio all’imparzialita’ nello svolgimento della mediazione; c) formulare le proposte di conciliazione nel rispetto del limite dell’ordine pubblico e delle norme imperative; d) corrispondere immediatamente a ogni richiesta organizzativa del responsabile dell’organismo.
    3. Su istanza di parte, il responsabile dell’organismo provvede alla eventuale sostituzione del mediatore. Il regolamento individua la diversa competenza a decidere sull’istanza, quando la mediazione e’ svolta dal responsabile dell’organismo.
    Art. 15

    Mediazione nell’azione di classe
    1. Quando e’ esercitata l’azione di classe prevista dall’articolo 140-bis del codice del consumo, di cui al decreto legislativo 6 settembre 2005, n. 206, e successive modificazioni, la conciliazione, intervenuta dopo la scadenza del termine per l’adesione, ha effetto anche nei confronti degli aderenti che vi abbiano espressamente consentito.
    Capo III
    ORGANISMI DI MEDIAZIONE

    Art. 16

    Organismi di mediazione e registro. Elenco dei formatori
    1. Gli enti pubblici o privati, che diano garanzie di serieta’ ed efficienza, sono abilitati a costituire organismi deputati, su istanza della parte interessata, a gestire il procedimento di mediazione nelle materie di cui all’articolo 2 del presente decreto. Gli organismi devono essere iscritti nel registro.
    2. La formazione del registro e la sua revisione, l’iscrizione, la sospensione e la cancellazione degli iscritti, l’istituzione di separate sezioni del registro per la trattazione degli affari che richiedono specifiche competenze anche in materia di consumo e internazionali, nonche’ la determinazione delle indennita’ spettanti agli organismi sono disciplinati con appositi decreti del Ministro della giustizia, di concerto, relativamente alla materia del consumo, con il Ministro dello sviluppo economico. Fino all’adozione di tali decreti si applicano, in quanto compatibili, le disposizioni dei decreti del Ministro della giustizia 23 luglio 2004, n. 222 e 23 luglio 2004, n. 223. A tali disposizioni si conformano, sino alla medesima data, gli organismi di composizione extragiudiziale previsti dall’articolo 141 del codice del consumo, di cui al decreto legislativo 6 settembre 2005, n. 206, e successive modificazioni.
    3. L’organismo, unitamente alla domanda di iscrizione nel registro, deposita presso il Ministero della giustizia il proprio regolamento di procedura e il codice etico, comunicando ogni successiva variazione. Nel regolamento devono essere previste, fermo quanto stabilito dal presente decreto, le procedure telematiche eventualmente utilizzate dall’organismo, in modo da garantire la sicurezza delle comunicazioni e il rispetto della riservatezza dei dati. Al regolamento devono essere allegate le tabelle delle indennita’ spettanti agli organismi costituiti da enti privati, proposte per l’approvazione a norma dell’articolo 17. Ai fini dell’iscrizione nel registro il Ministero della giustizia valuta l’idoneita’ del regolamento.
    4. La vigilanza sul registro e’ esercitata dal Ministero della giustizia e, con riferimento alla sezione per la trattazione degli affari in materia di consumo di cui al comma 2, anche dal Ministero dello sviluppo economico.
    5. Presso il Ministero della giustizia e’ istituito, con decreto ministeriale, l’elenco dei formatori per la mediazione. Il decreto stabilisce i criteri per l’iscrizione, la sospensione e la cancellazione degli iscritti, nonche’ per lo svolgimento dell’attivita’ di formazione, in modo da garantire elevati livelli di formazione dei mediatori. Con lo stesso decreto, e’ stabilita la data a decorrere dalla quale la partecipazione all’attivita’ di formazione di cui al presente comma costituisce per il mediatore requisito di qualificazione professionale.
    6. L’istituzione e la tenuta del registro e dell’elenco dei formatori avvengono nell’ambito delle risorse umane, finanziarie e strumentali gia’ esistenti, e disponibili a legislazione vigente, presso il Ministero della giustizia e il Ministero dello sviluppo economico, per la parte di rispettiva competenza, e, comunque, senza nuovi o maggiori oneri per il bilancio dello Stato.
    Art. 17

    Risorse, regime tributario e indennita’
    1. In attuazione dell’articolo 60, comma 3, lettera o), della legge 18 giugno 2009, n. 69, le agevolazioni fiscali previste dal presente articolo, commi 2 e 3, e dall’articolo 20, rientrano tra le finalita’ del Ministero della giustizia finanziabili con la parte delle risorse affluite al «Fondo Unico Giustizia» attribuite al predetto Ministero, ai sensi del comma 7 dell’articolo 2, lettera b), del decreto-legge 16 settembre 2008, n. 143, convertito, con modificazioni, dalla legge 13 novembre 2008, n. 181, e dei commi 3 e 4 dell’articolo 7 del decreto del Ministro dell’economia e delle finanze 30 luglio 2009, n. 127.
    2. Tutti gli atti, documenti e provvedimenti relativi al procedimento di mediazione sono esenti dall’imposta di bollo e da ogni spesa, tassa o diritto di qualsiasi specie e natura.
    3. Il verbale di accordo e’ esente dall’imposta di registro entro il limite di valore di 50.000 euro, altrimenti l’imposta e’ dovuta per la parte eccedente.
    4. Con il decreto di cui all’articolo 16, comma 2, sono determinati:
    a) l’ammontare minimo e massimo delle indennita’ spettanti agli organismi pubblici, il criterio di calcolo e le modalita’ di ripartizione tra le parti;
    b) i criteri per l’approvazione delle tabelle delle indennita’ proposte dagli organismi costituiti da enti privati; c) le maggiorazioni massime delle indennita’ dovute, non superiori al venticinque per cento, nell’ipotesi di successo della mediazione; d) le riduzioni minime delle indennita’ dovute nelle ipotesi in cui la mediazione e’ condizione di procedibilita’ ai sensi dell’articolo 5, comma 1.
    5. Quando la mediazione e’ condizione di procedibilita’ della domanda ai sensi dell’articolo 5, comma 1, all’organismo non e’ dovuta alcuna indennita’ dalla parte che si trova nelle condizioni per l’ammissione al patrocinio a spese dello Stato, ai sensi dell’articolo 76 (L) del testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di spese di giustizia di cui al decreto del Presidente della Repubblica del 30 maggio 2002, n. 115. A tale fine la parte e’ tenuta a depositare presso l’organismo apposita dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorieta’, la cui sottoscrizione puo’ essere autenticata dal medesimo mediatore, nonche’ a produrre, a pena di inammissibilita’, se l’organismo lo richiede, la documentazione necessaria a comprovare la veridicita’ di quanto dichiarato.
    6. Il Ministero della giustizia provvede, nell’ambito delle proprie attivita’ istituzionali, al monitoraggio delle mediazioni concernenti i soggetti esonerati dal pagamento dell’indennita’ di mediazione. Dei risultati di tale monitoraggio si tiene conto per la determinazione, con il decreto di cui all’articolo 16, comma 2, delle indennita’ spettanti agli organismi pubblici, in modo da coprire anche il costo dell’attivita’ prestata a favore dei soggetti aventi diritto all’esonero.
    7. L’ammontare dell’indennita’ puo’ essere rideterminato ogni tre anni in relazione alla variazione, accertata dall’Istituto Nazionale di Statistica, dell’indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati, verificatasi nel triennio precedente.
    8. Alla copertura degli oneri derivanti dalle disposizioni dei commi 2 e 3, valutati in 5,9 milioni di euro per l’anno 2010 e 7,018 milioni di euro a decorrere dall’anno 2011, si provvede mediante corrispondente riduzione della quota delle risorse del «Fondo unico giustizia» di cui all’articolo 2, comma 7, lettera b) del decreto-legge 16 settembre 2008, n. 143, convertito, con modificazioni, dalla legge 13 novembre 2008, n. 181, che, a tale fine, resta acquisita all’entrata del bilancio dello Stato.
    9. Il Ministro dell’economia e delle finanze provvede al monitoraggio degli oneri di cui ai commi 2 e 3 ed in caso si verifichino scostamenti rispetto alle previsioni di cui al comma 8, resta acquisito all’entrata l’ulteriore importo necessario a garantire la copertura finanziaria del maggiore onere a valere sulla stessa quota del Fondo unico giustizia di cui al comma 8.
    Art. 18

    Organismi presso i tribunali
    1. I consigli degli ordini degli avvocati possono istituire organismi presso ciascun tribunale, avvalendosi di proprio personale e utilizzando i locali loro messi a disposizione dal presidente del tribunale. Gli organismi presso i tribunali sono iscritti al registro a semplice domanda, nel rispetto dei criteri stabiliti dai decreti di cui all’articolo 16.
    Art. 19

    Organismi presso i consigli degli ordini professionali e presso le camere di commercio
    1. I consigli degli ordini professionali possono istituire, per le materie riservate alla loro competenza, previa autorizzazione del Ministero della giustizia, organismi speciali, avvalendosi di proprio personale e utilizzando locali nella propria disponibilita’.
    2. Gli organismi di cui al comma 1 e gli organismi istituiti ai sensi dell’articolo 2, comma 4, della legge 29 dicembre 1993, n. 580, dalle camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura sono iscritti al registro a semplice domanda, nel rispetto dei criteri stabiliti dai decreti di cui all’articolo 16.
    Capo IV
    DISPOSIZIONI IN MATERIA FISCALE E INFORMATIVA

    Art. 20

    Credito d’imposta
    1. Alle parti che corrispondono l’indennita’ ai soggetti abilitati a svolgere il procedimento di mediazione presso gli organismi e’ riconosciuto, in caso di successo della mediazione, un credito d’imposta commisurato all’indennita’ stessa, fino a concorrenza di euro cinquecento, determinato secondo quanto disposto dai commi 2 e 3. In caso di insuccesso della mediazione, il credito d’imposta e’ ridotto della meta’.
    2. A decorrere dall’anno 2011, con decreto del Ministro della giustizia, entro il 30 aprile di ciascun anno, e’ determinato l’ammontare delle risorse a valere sulla quota del «Fondo unico giustizia» di cui all’articolo 2, comma 7, lettera b), del decreto-legge 16 settembre 2008, n. 143, convertito, con modificazioni, dalla legge 13 novembre 2008, n. 181, destinato alla copertura delle minori entrate derivanti dalla concessione del credito d’imposta di cui al comma 1 relativo alle mediazioni concluse nell’anno precedente. Con il medesimo decreto e’ individuato il credito d’imposta effettivamente spettante in relazione all’importo di ciascuna mediazione in misura proporzionale alle risorse stanziate e, comunque, nei limiti dell’importo indicato al comma 1.
    3. Il Ministero della giustizia comunica all’interessato l’importo del credito d’imposta spettante entro 30 giorni dal termine indicato al comma 2 per la sua determinazione e trasmette, in via telematica, all’Agenzia delle entrate l’elenco dei beneficiari e i relativi importi a ciascuno comunicati.
    4. Il credito d’imposta deve essere indicato, a pena di decadenza, nella dichiarazione dei redditi ed e’ utilizzabile a decorrere dalla data di ricevimento della comunicazione di cui al comma 3, in compensazione ai sensi dell’articolo 17 del decreto legislativo 9 luglio 1997, n. 241, nonche’, da parte delle persone fisiche non titolari di redditi d’impresa o di lavoro autonomo, in diminuzione delle imposte sui redditi. Il credito d’imposta non da’ luogo a rimborso e non concorre alla formazione del reddito ai fini delle imposte sui redditi, ne’ del valore della produzione netta ai fini dell’imposta regionale sulle attivita’ produttive e non rileva ai fini del rapporto di cui agli articoli 61 e 109, comma 5, del testo unico delle imposte sui redditi, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917.
    5. Ai fini della copertura finanziaria delle minori entrate derivanti dal presente articolo il Ministero della giustizia provvede annualmente al versamento dell’importo corrispondente all’ammontare delle risorse destinate ai crediti d’imposta sulla contabilita’ speciale n. 1778 «Agenzia delle entrate – Fondi di bilancio».
    Art. 21

    Informazioni al pubblico
    1. Il Ministero della giustizia cura, attraverso il Dipartimento per l’informazione e l’editoria della Presidenza del Consiglio dei Ministri e con i fondi previsti dalla legge 7 giugno 2000, n. 150, la divulgazione al pubblico attraverso apposite campagne pubblicitarie, in particolare via internet, di informazioni sul procedimento di mediazione e sugli organismi abilitati a svolgerlo.
    Capo V
    ABROGAZIONI, COORDINAMENTI E DISPOSIZIONI TRANSITORIE

    Art. 22
    Obblighi di segnalazione per la prevenzione del sistema finanziario a scopo di riciclaggio e di finanziamento del terrorismo
    1. All’articolo 10, comma 2, lettera e), del decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231, dopo il numero 5) e’ aggiunto il seguente:
    «5-bis) mediazione, ai sensi dell’articolo 60 della legge 18 giugno 2009, n. 69;».
    Art. 23

    Abrogazioni
    1. Sono abrogati gli articoli da 38 a 40 del decreto legislativo 17 gennaio 2003, n. 5, e i rinvii operati dalla legge a tali articoli si intendono riferiti alle corrispondenti disposizioni del presente decreto.
    2. Restano ferme le disposizioni che prevedono i procedimenti obbligatori di conciliazione e mediazione, comunque denominati, nonche’ le disposizioni concernenti i procedimenti di conciliazione relativi alle controversie di cui all’articolo 409 del codice di procedura civile. I procedimenti di cui al periodo precedente sono esperiti in luogo di quelli previsti dal presente decreto.
    Art. 24

    Disposizioni transitorie e finali
    1. Le disposizioni di cui all’articolo 5, comma 1, acquistano efficacia decorsi dodici mesi dalla data di entrata in vigore del presente decreto e si applicano ai processi successivamente iniziati. Il presente decreto, munito del sigillo dello Stato, sara’ inserito nella Raccolta ufficiale degli atti normativi della Repubblica italiana. E’ fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo e di farlo osservare.
    Dato a Roma, addi’ 4 marzo 2010.

    NAPOLITANO

    Berlusconi, Presidente del Consiglio dei Ministri

    Alfano, Ministro della giustizia

    Visto, il Guardasigilli: Alfano

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: