Risposta on line per Francesco – vedasi sua domanda posta a me –

Riscontro on line per Francesco -vedasi sua domanda
2 Risposte a “testi più ricercati in blog nel mio sito ;il termine di ricerca consigliato dal motore di ricerca è http://www.google.it/tag case popolari”
francesco dice:
luglio 28, 2011 alle 9:33 pm
salve signor Enzo io vorrei esporle un mio problema con lo iacp di catania,in poche parole mio zio era un moroso e doveva dare una certa cifra allo iacp da sempre. Da alcuni anni io ho portato la residenza da lui e stavamo insieme perche io sono orfano.ora però lui e morto e sto con mia zia (la moglie) nello stesso immobile,(il contratto di locazione fu fatto a lui all’epoca ed era già sposato con mia zia) volevamo fare una voltura a nome di mia zia,visto che lui e’ deceduto: ma non e stato possibile per via del debito.mi hanno detto che prima dovevo sanare tutto il debito. le mie domande sono queste: ci tocca veramente pagare tutto quel debito? dopo tanti anni non va in prescrizione?in modo tale da pagare gli ultimi 5 anni e metterci in regola con la morosità,per poi acquistare casa?
enzo dice:
Testo alla tua domanda .Le mie risposte non darle per scontato possono essere attendibili o meno .nella fattispecie ,in quanto non sono un appartenente a nessuna associazione,il mio blog come vedi indirizza su altri siti proprio per questo motivo .Ma :provo ad aiutarti con un parere.
A parer mio:La zia del cuius (zio ,marito)avrebbe dovuto volturare il contratto,questo era fattibile perché il coniuge ne ha diritto in quanto coniuge subentrante ,a parere dell’Iacp, deve accollarsi il debito moroso al tempo maturato. Il debito del marito,ex assegnatario (pur se ora defunto, è vantato dall’Iacp);ma vi sono stati impedimenti,credo di capire ad avere il diritto di prelazione alla compravendita dell’alloggio in questione. Stante e per via del moroso,almeno così credo di aver capito,crea ostacoli..Ora la stessa domanda si pone per entrambi :ZIA e Nipote ,i debiti di un ente pubblico,sono paragonati ai crediti dello Stato in questo caso vantati dall’IACP,(DOVE LA REGIONE SICILIA ,OPERA IN SEDE AUTONOMA PERCHE’LO STATO DELEGA LA REGIONE ,CHE ,IN QUESTO CASO E’ AUTONOMA: A STATUTO SPECIALE,INFATTI I RICORSI VANNO INDIRIZZATI AL PRESIDENTE DELLA REGIONE SICILIA ).Pertanto.IN MERITO ALLA TUA DOMANDA: l’IACP,FA ATTENZIONE A NON FAR SI CHEAVVENGA PRESCRIZIONE.A,nota per cui ogni periodo di tempo dall’Iacp ,che le invierà una lettera rinnovativa ,la legge in merito dice che l’Ente :non può reiterare la stessa procedura amministrativa ben più di tre volte :quindi può prorogarne le prescrizioni in via ordinaria ,ossia in via di privato locatore,al ricevimento di diffida a regolarizzare il pagamento canoni arretrati :proroga per un termine di 10 anni ( 5+ 5 ) ,la prescrizione .Inoltre,poi all’imminente scadenza del tempo indicato, L’Iacp si attiva e le ingiungerà un decreto ingiuntivo per mezzo del Tribunale,dietro diffida a sfratto. Su questo aspetto devi stare attento ,occhio, che si rischia la procedura di sfratto,e se non vi sono gravi motivi ,il Giudice non accoglie la richiesta della sospensione dello sfratto.inoltre,su richiesta dell’IACP,motivandone lo sfratto per morosità,in seguito ne trasmette copia al Comune che le revoca l’assegnazione dell’alloggio. In secondo istante,se non si ottempera a saldo debito per inadempimento,può sollecitare lo sfratto con il recupero su atto ingiuntivo del credito vantato. A procedura attivata in un lasso di tempo pari a mesi tre,o sei ,mesi l’IACP ,si attiva e può chiedere al giudice il decreto di sfratto inadempimento ,(invece poi ,su accordi tra l’inquilino e Iacp ,lo sfratto può essere sospeso per avvenuti accordi) .Al contrario,la procedura è sempre riattivabile ,vi sfratterà per inadempimento .(Seguirà ,e su questo indice la sfratterà ,senza risorse alcune ).Invece come da te richiesto:per pagare ,o sanare gli ultimi 5 anni,come da te evidenziato,puoi trovare altri accordi.Tra l’altro la domanda è vaga:non accenni se in Iacp,hai stabilito accordi ma :puoi in Iacp stipulare un rateo (sempre se l’IACP accetti le tue condizioni,(visto che non conosco la vostra situazione economica attuale e remota,ma l’Iacp,credo di si ).
In Iacp,su concordo :si può stabilire un rateo per un massimo di tempo di anni 5,al massimo 10,se l’ente Iacp accetti,
es:100 € al mese per 60,o 120 rate max (dove le stabiliranno le regole,es:interessi di legge ,rivalutazione anno per anno degli interessi di Legge in base all’istat corrente,ed altre modalità dove puoi esortare richiesta di visionare le circolari Iacp ).Occorre questo primo passo : per sanare il debito moroso ,inoltre da come asserisci,che abitate in questo alloggio ancor oggi,e che avete intenzione di comprarlo,conviene sanare il debito moroso . In seguito su accordi :riceverete il bollettino corrente dell ‘affitto ,ed un bollettino del credito vantato.In quest’ultimo caso per tua volontà riattivi la prescrizione per altri 10 anni ,più dai facoltà alla zia di sanare il debito regresso,e all’IACP di recuperare un credito dell’onere dello Stato,il quale è sospeso nelle contabilità annuali Iacp, giustificato :azione legale in corso. Sul fatto dell’acquisto di della casa chiedi via e mail o sul blog ad Annamaria Addante se può aiutarti ,per avere una risposta congrua,Lei ,conosce il decreto dell’alienazione dei beni popolari,anche perchè è presidente degli inquilini e proprietari delle case IACP di Roma,non c’nulla di male ,vedi se può aiutarti,perché è molto più esperta di me . A tua volta leggerti il decreto della vendita case popolari, non serve a tanto ,perche’da come tu asserisci il debito ostacola ad subentro del contratto a tua zia,quindi al momento è più urgente fermare una procedura legale di sfratto futura ,e trovare una soluzione a sanare il debito moroso,visto che vi interessa acquistare la casa attuale.in seguito il resto diventa più facilitato. Spero di esserti stato utile ed a presto .
NB.la regione Sicilia lavora su statuto autonomo ,alcuni riferimenti nazionali ,sono da confrontare con le leggi regionali in loco .
Ti allego ricerca in rete http://www.google.it/case popolari
Prescrizione canoni di locazione
Quale sia il termine di prescrizione dei canoni di locazione degli alloggi E.R.P.
I canoni di locazione degli alloggi di E.R.P. sono soggetti alla prescrizione QUINQUENNALE ex art. 2948 n. 3 c.c.
La consultazione degli archivi informatizzati delle sentenze della Corte di Cassazione non ha infatti evidenziato alcuna pronuncia in materia, statuente termini diversi, ove si eccettuino i crediti degli IACP relativi al recupero delle spese per erogazione dei servizi, rientranti nella previsione di cui all’art. 19 lett. d) del D.P.R. n. 1035 del 1972, per i quali la Suprema Corte ha ritenuto che si debba applicare la disciplina dell’art. 6, ultima parte, della legge n. 841 del 22.12.1973, che prevede la prescrizione biennale (cfr. Sentenza Corte Cassazione Sez. 3 n. 11260 del 28.10.1995 – ex IACP MI). Riferimenti Art. 2948, n. 3) codice civile;
Legge 22.12.1973 n. 841, art. 6 ,Sentenza Corte Cassazione n. 11260 del 28.10.1995
luglio 29, 2011 alle 6:58 am | Replica: Ricerca con assiduità sul mio sito .Più ricercati
ricorso straordinario al presidente della repubblica fac simile, opposizione 615 c.p.c. ordinanza sindacale di sgombero iacp, errore dell’iacp assegnazione cantina assegnatario non restituisce, prescrizione per morosità iacp di catania, sospensione ordinanza di sgombero alloggi iacp
Most Active (il giorno prima 26 luglio 2011 )
fac simile di ricorso straordinario-1 visite

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: