Gli ordini di rilascio o di sgombero di alloggi occupati abusivamente, in mancanza, di qualsivoglia titolo concessorio dell’Autorità titolare del bene pubblico, si pongono all’esterno della materia dell’assegnazione degli alloggi di edilizia economica e popolare

In tema di assegnazione di alloggi per l’edilizia residenziale pubblica, merita di essere segnalato il seguente passaggio tratto dalla sentenza numero 5867 del 31 maggio 2007 emessa dal Tar Campania, Napoli:

Che , infatti, gli ordini di rilascio o di sgombero di alloggi occupati abusivamente, in mancanza, dunque, di qualsivoglia titolo concessorio dell’Autorità titolare del bene pubblico, si pongono all’esterno della materia dell’assegnazione degli alloggi di edilizia economica e popolare, sicché, per le controversie ad essi relative, non può valere la regola di riparto della giurisdizione elaborata dalla giurisprudenza per la testé detta materia (per cui, dopo Corte cost. n. 204 del 2004, torna attuale e condivisibile il tradizionale criterio di riparto bene chiarito dall’adunanza plenaria del Consiglio di Stato 5 settembre 1995, n. 28, in base al quale, ad eccezione dell’ipotesi speciale dell’art. 11, tredicesimo comma, del d.P.R. 30 dicembre 1972, n. 1035, le controversie sull’annullamento e sulla revoca, per quanto vincolata, dell’assegnazione di alloggi di edilizia economica e popolare rientrano nella giurisdizione esclusiva del giudice amministrativo in materia di concessioni di beni pubblici, ai sensi dell’art. 5 della legge n. 1034 del 1971);

infatti, che nei casi di occupazione senza titolo deve escludersi l’applicabilità del suddetto art. 5 legge Tar, non essendovi, per l’appunto, alcuna concessione di bene in atto, e deve farsi riferimento al criterio base di riparto, imperniato sulla consistenza della posizione giuridica sostanziale fatta valere dall’attore (petitum sostanziale);>

ma vi è di più

< CHE in tal senso è infatti costante l’orientamento delle sezioni unite della Corte di cassazione (<>: Cass., ss.uu., ord. 11 marzo 2004, n. 5051; Id., 16 luglio 2001, n. 9647; 23 febbraio 2001, n. 67; 7 novembre 2000, n. 1155; 10 agosto 2000, n. 564, nonché, conformi, n. 1908 del 1989, n. 821 del 1995, n. 1029 del 1996);

CHE tale indirizzo sembra condiviso anche dalla prevalente giurisprudenza amministrativa (T.A.R. Piemonte, sez. I, 5 aprile
[]2006, n. 1618; Cons. Stato, sez. IV, 14 giugno 2005, n. 3111; T.A.R. Marche, 12 aprile 2005, n. 293; T.A.R. Veneto, sez. II, 29 novembre 2004, n. 4154; T.A.R. Valle d’Aosta, 19 marzo 2004, n. 38; Cons. Stato, sez. V, 6 ottobre 2003, n. 5890);>

A cura di Sonia Lazzini

REPUBBLICA ITALIANA N. 5867 Reg. Sentenze
IN NOME DEL POPOLO ITALIANO ANNO 2007
Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Campania – Sezione V^ – composto dai Signori: N. 2132 Reg. Ric.
ANNO 2007
1) Antonio Onorato – Presidente
2) Paolo Carpentieri – Consigliere – relatore
3) Michelangelo Francavilla – Primo Referendario
ha pronunciato la seguente
SENTENZA
ex art. 26, commi 4 e 5 L. 1034/1971 e s.m.i.
sul ricorso n. 2132/2007 Reg. Gen., proposto da *** Pasquale e * Serafina rappresentati e difesi dall’avv. Umberto Caccia, con domicilio eletto in Napoli alla via Cuoco 15, presso lo studio dell’avv. Francesca Chiariello
contro
il Comune di Mariglianella, in persona del sindaco p.t., rappresentato e difeso dall’avv. Giuseppe Romano, con domicilio eletto in Napoli alla via Toledo 156;
nonché
l’Istituto Autonomo Case Popolari di Napoli, in persona del legale rapp.te p.t., rappresentato e difeso
dagli avv.ti Cinzia coppa e Antonio Aragno, con domicilio eletto in Napoli alla via Domenico Morelli 75, presso la sede legale dell’ente;
per l’annullamento, previa sospensione
<>.
VISTI il ricorso ed i relativi allegati;
VISTO l’atto di costituzione in giudizio delle amministrazioni intimate, con le annesse produzioni;
VISTI gli atti tutti di causa;
UDITI alla camera di consiglio del 10 maggio 2007 – relatore il Magistrato Dr. Carpentieri – gli avv.ti riportati a verbale;
RITENUTO e considerato in fatto e diritto quanto segue:
PREMESSO che nella fattispecie ricorrono i presupposti di cui all’articolo 26, commi 4 e 5, della legge n. 1034 del 1971 e successive modifiche e integrazioni, il contraddittorio risulta correttamente instaurato, i procuratori delle parti, sentiti in camera di consiglio, nulla hanno obiettato alla
[…]
2006, n. 1618; Cons. Stato, sez. IV, 14 giugno 2005, n. 3111; T.A.R. Marche, 12 aprile 2005, n. 293; T.A.R. Veneto, sez. II, 29 novembre 2004, n. 4154; T.A.R. Valle d’Aosta, 19 marzo 2004, n. 38; Cons. Stato, sez. V, 6 ottobre 2003, n. 5890);>

A cura di Sonia Lazzini

REPUBBLICA ITALIANA N. 5867 Reg. Sentenze
IN NOME DEL POPOLO ITALIANO ANNO 2007
Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Campania – Sezione V^ – composto dai Signori: N. 2132 Reg. Ric.
ANNO 2007
1) Antonio Onorato – Presidente
2) Paolo Carpentieri – Consigliere – relatore
3) Michelangelo Francavilla – Primo Referendario
ha pronunciato la seguente
SENTENZA
ex art. 26, commi 4 e 5 L. 1034/1971 e s.m.i.
sul ricorso n. 2132/2007 Reg. Gen., proposto da *** Pasquale e * Serafina rappresentati e difesi dall’avv. Umberto Caccia, con domicilio eletto in Napoli alla via Cuoco 15, presso lo studio dell’avv. Francesca Chiariello
contro
il Comune di Mariglianella, in persona del sindaco p.t., rappresentato e difeso dall’avv. Giuseppe Romano, con domicilio eletto in Napoli alla via Toledo 156;
nonché
l’Istituto Autonomo Case Popolari di Napoli, in persona del legale rapp.te p.t., rappresentato e difeso
dagli avv.ti Cinzia coppa e Antonio Aragno, con domicilio eletto in Napoli alla via Domenico Morelli 75, presso la sede legale dell’ente;
per l’annullamento, previa sospensione
<>.
VISTI il ricorso ed i relativi allegati;
VISTO l’atto di costituzione in giudizio delle amministrazioni intimate, con le annesse produzioni;
VISTI gli atti tutti di causa;
UDITI alla camera di consiglio del 10 maggio 2007 – relatore il Magistrato Dr. Carpentieri – gli avv.ti riportati a verbale;
RITENUTO e considerato in fatto e diritto quanto segue:
PREMESSO che nella fattispecie ricorrono i presupposti di cui all’articolo 26, commi 4 e 5, della legge n. 1034 del 1971 e successive modifiche e integrazioni, il contraddittorio risulta correttamente instaurato, i procuratori delle parti, sentiti in camera di consiglio, nulla hanno obiettato alla
[…] Gli ordini di rilascio o di sgombero di alloggi occupati abusivamente, in mancanza, di qualsivoglia titolo concessorio dell’Autorità titolare del bene pubblico, si pongono all’esterno della materia dell’assegnazione degli alloggi di edilizia economica e p 0 commenti

Pubblicato incoperture assicurative
Data di pubblicazione:05/07/2007
Autore: Lazzini Sonia

Separator:
Tot. elements: 200
Pages = 4
Page = 4 block1:criterio di riparto bene chiarito dall’adunanza plenaria del Consiglio di Stato 5 settembre 1995, n. 28, in base al quale, ad eccezione dell’ipotesi speciale dell’art. 11, tredicesimo comma, del d.P.R. 30 dicembre 1972, n. 1035, le controversie sull’annullamento e sulla revoca, per quanto vincolata, dell’assegnazione di alloggi di edilizia economica e popolare rientrano nella giurisdizione esclusiva del giudice amministrativo in materia di concessioni di beni pubblici, ai sensi dell’art. 5 della legge n. 1034 del 1971);
RITENUTO, infatti, che nei casi di occupazione senza titolo deve escludersi l’applicabilità del suddetto art. 5 legge Tar, non essendovi, per l’appunto, alcuna concessione di bene in atto, e deve farsi riferimento al criterio base di riparto, imperniato sulla consistenza della posizione giuridica sostanziale fatta valere dall’attore (petitum sostanziale);
CHE, in base a tale ultimo criterio, come indicato dal giudice della giurisdizione, spetta al G.O. la cognizione della controversia ogni qual volta il ricorrente ingiunto opponga un diritto al subentro nel rapporto concessorio, qualunque sia il titolo (più o meno fondatamente o plausibilmente) accampato in ricorso (successione, subentro per vincolo di coabitazione familiare e/o assistenziale, subentro per esercizio di fatto delle prerogative del conduttore, quali il pagamento del canone e delle utenze dei block2:servizi etc., sanatoria – in Campania, peraltro, in astratto configurabile solo per situazioni di fatto anteriori all’anno 2000);
CHE in tal senso è infatti costante l’orientamento delle sezioni unite della Corte di cassazione (<>: Cass., ss.uu., ord. 11 marzo 2004, n. 5051; Id., 16 luglio 2001, n. 9647; 23 febbraio 2001, n. 67; 7 novembre 2000, n. 1155; 10 agosto 2000, n. 564, nonché, conformi, n. 1908 del 1989, n. 821 del 1995, n. 1029 del 1996);
CHE tale indirizzo sembra condiviso anche dalla prevalente giurisprudenza amministrativa (T.A.R. Piemonte, sez. I, 5 aprile 2006, n. 1618; Cons. Stato, sez. IV, 14 giugno 2005, n. 3111; T.A.R. Marche, 12 aprile 2005, n. 293; T.A.R. Veneto, sez. II, 29 novembre 2004, n. 4154; T.A.R. Valle d’Aosta, 19 marzo 2004, n. 38; Cons. Stato, sez. V, 6 ottobre 2003, n. 5890);
CHE tale orientamento si pone, inoltre, in linea con quello, analogo, in tema di ordine di rilascio di bene demaniale occupato sine titulo (orientamento secondo cui spetta all’A.G.O. la controversia sull’opposizione del privato che contesti la demanialità e accampi un proprio diritto sul bene: Cass., ss.uu., 15 luglio 1999, n. 391, 6 giugno 1997, n. 5089, 17 giugno 1996, n. 5522, 11 aprile 1994, n. 4146, 27 ottobre 1994, n. 8837; Cons. Stato , sez. IV, 14 dicembre 2004, n. 7982);
CHE ragioni di uniformità nell’applicazione del diritto e di semplicità e chiarezza nella regola del riparto della giurisdizione inducono questo giudice ad aderire a questa autorevole indicazione;
CHE, conclusivamente, il ricorso deve giudicarsi inammissibile per difetto di giurisdizione di questo adito G.A.;
CHE, quanto alle spese, sussistono giusti motivi per disporne l’integrale compensazione tra le parti, dovendo però restare a carico della parte ricorrente, che le ha anticipate, le spese relative all’assolvimento del contributo unificato;
P.Q.M.
IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DELLA CAMPANIA, SEZIONE V^, visto ed applicato l’art. 26, commi 4 e 5, della legge 1034/1971, come integrata e modificata dalla legge 205/2000, definitivamente pronunciando sul ricorso in epigrafe, lo dichiara inammissibile per difetto di giurisdizione del G.A.
Compensa tra le parti le spese processuali.
Così deciso in Napoli nella Camera di Consiglio del 10 maggio 2007.

Il Presidente

Il Relatore

Pagina: 1 2 3 4 di 4 […]
criterio di riparto bene chiarito dall’adunanza plenaria del Consiglio di Stato 5 settembre 1995, n. 28, in base al quale, ad eccezione dell’ipotesi speciale dell’art. 11, tredicesimo comma, del d.P.R. 30 dicembre 1972, n. 1035, le controversie sull’annullamento e sulla revoca, per quanto vincolata, dell’assegnazione di alloggi di edilizia economica e popolare rientrano nella giurisdizione esclusiva del giudice amministrativo in materia di concessioni di beni pubblici, ai sensi dell’art. 5 della legge n. 1034 del 1971);
RITENUTO, infatti, che nei casi di occupazione senza titolo deve escludersi l’applicabilità del suddetto art. 5 legge Tar, non essendovi, per l’appunto, alcuna concessione di bene in atto, e deve farsi riferimento al criterio base di riparto, imperniato sulla consistenza della posizione giuridica sostanziale fatta valere dall’attore (petitum sostanziale);
CHE, in base a tale ultimo criterio, come indicato dal giudice della giurisdizione, spetta al G.O. la cognizione della controversia ogni qual volta il ricorrente ingiunto opponga un diritto al subentro nel rapporto concessorio, qualunque sia il titolo (più o meno fondatamente o plausibilmente) accampato in ricorso (successione, subentro per vincolo di coabitazione familiare e/o assistenziale, subentro per esercizio di fatto delle prerogative del conduttore, quali il pagamento del canone e delle utenze dei
servizi etc., sanatoria – in Campania, peraltro, in astratto configurabile solo per situazioni di fatto anteriori all’anno 2000);
CHE in tal senso è infatti costante l’orientamento delle sezioni unite della Corte di cassazione (<>: Cass., ss.uu., ord. 11 marzo 2004, n. 5051; Id., 16 luglio 2001, n. 9647; 23 febbraio 2001, n. 67; 7 novembre 2000, n. 1155; 10 agosto 2000, n. 564, nonché, conformi, n. 1908 del 1989, n. 821 del 1995, n. 1029 del 1996);
CHE tale indirizzo sembra condiviso anche dalla prevalente giurisprudenza amministrativa (T.A.R. Piemonte, sez. I, 5 aprile 2006, n. 1618; Cons. Stato, sez. IV, 14 giugno 2005, n. 3111; T.A.R. Marche, 12 aprile 2005, n. 293; T.A.R. Veneto, sez. II, 29 novembre 2004, n. 4154; T.A.R. Valle d’Aosta, 19 marzo 2004, n. 38; Cons. Stato, sez. V, 6 ottobre 2003, n. 5890);
CHE tale orientamento si pone, inoltre, in linea con quello, analogo, in tema di ordine di rilascio di bene demaniale occupato sine titulo (orientamento secondo cui spetta all’A.G.O. la controversia sull’opposizione del privato che contesti la demanialità e accampi un proprio diritto sul bene: Cass., ss.uu., 15 luglio 1999, n. 391, 6 giugno 1997, n. 5089, 17 giugno 1996, n. 5522, 11 aprile 1994, n. 4146, 27 ottobre 1994, n. 8837; Cons. Stato , sez. IV, 14 dicembre 2004, n. 7982);
CHE ragioni di uniformità nell’applicazione del diritto e di semplicità e chiarezza nella regola del riparto della giurisdizione inducono questo giudice ad aderire a questa autorevole indicazione;
CHE, conclusivamente, il ricorso deve giudicarsi inammissibile per difetto di giurisdizione di questo adito G.A.;
CHE, quanto alle spese, sussistono giusti motivi per disporne l’integrale compensazione tra le parti, dovendo però restare a carico della parte ricorrente, che le ha anticipate, le spese relative all’assolvimento del contributo unificato;
P.Q.M.
IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DELLA CAMPANIA, SEZIONE V^, visto ed applicato l’art. 26, commi 4 e 5, della legge 1034/1971, come integrata e modificata dalla legge 205/2000, definitivamente pronunciando sul ricorso in epigrafe, lo dichiara inammissibile per difetto di giurisdizione del G.A.
Compensa tra le parti le spese processuali.
Così deciso in Napoli nella Camera di Consiglio del 10 maggio 2007.

Il Presidente

Il Relatore

tratta in rete da Fonte diritto .it

Tag:

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: