FAC SIMILE _PER _L’ASSEGNAZIONE IN LOCAZIONE DI ALLOGGI ERP S in PIEMONTE.

BANDO PER L’ASSEGNAZIONE IN LOCAZIONE DI ALLOGGI REALIZZATI
DALLA COOPERATIVA “DI VITTORIO” SULL’AREA DI PROPRIETA’
COMUNALE DENOMINATA “EX FIS I° LOTTO”
Ai sensi dei “Criteri per l’individuazione di assegnatari di alloggi in locazione realizzati in
edilizia agevolata”, approvati con deliberazione della Giunta Comunale n. 17 del 31 gennaio
2001, dichiarata immediatamente eseguibile, ed in esecuzione della convenzione tra la Coop.
“G. Di Vittorio” e il Comune di Collegno, approvata con deliberazione del Consiglio
Comunale n. 36 del 11.03.98 esecutiva ai sensi di legge, Rep 2835 Notaio Revigliono del
25.9.1998 e Rep 20095 Notaio Revigliono del 16.4.2009 e della Deliberazione di Giunta
Comunale n. 20 del 16/02/2011 dichiarata immediatamente eseguibile, è indetto un concorso
pubblico per l’individuazione dei nominativi da segnalare alla suddetta Coop. “G. Di
Vittorio” per l’assegnazione di alloggi realizzati in edilizia agevolata sull’area di proprietà
comunale denominata “ex FIS I° Lotto” che si rendessero liberi nei prossimi 5 anni.
1. REQUISITI PER L’AMMISSIONE AL CONCORSO
1. I requisiti d’accesso per partecipare al presente concorso sono i seguenti:
A) Cittadinanza italiana;
ovvero cittadinanza di uno stato aderente all’Unione Europea;
il cittadino di altri Stati è ammesso soltanto se tale diritto è riconosciuto, in condizioni
di reciprocità, da convenzioni o trattati internazionali;
è ammesso altresì il cittadino di uno stato non aderente all’Unione Europea che sia
munito di permesso di soggiorno per motivi di lavoro e legalmente residente in Italia
da almeno un anno precedente alla data di presentazione della domanda o titolare di
carta di soggiorno regolarmente soggiornante ed esercitante una regolare attività di
lavoro subordinato o di lavoro autonomo ai sensi dell’art. 38 c. 6 della Legge 6 marzo
1998, n. 40;
B) residenza anagrafica nel Comune di Collegno;
C) non titolarità da parte del richiedente o di un membro del proprio nucleo familiare di
diritti di proprietà, usufrutto, uso o abitazione su di un alloggio adeguato alle esigenze
del proprio nucleo familiare ubicato in qualsiasi località. Sono esclusi gli immobili
utilizzati per lo svolgimento diretto di attività economiche;
D) assenza di precedenti assegnazioni, per sé o per altri membri del proprio nucleo
familiare, in proprietà o con patto di futura vendita di un alloggio costruito a totale
carico o con il concorso o con il contributo o con il finanziamento agevolato concessi in
qualunque forma e in qualunque luogo dallo Stato o da Enti pubblici;
E) reddito annuo complessivo fiscalmente imponibile del nucleo familiare, desumibile
dalla dichiarazione dei redditi per l’anno 2009, da computarsi ai sensi dell’art. 21, 1°
comma, della legge 5.8.1978, n. 457 e successive modifiche, non inferiore al 70% del
limite di reddito per l’accesso all’edilizia sovvenzionata attualmente vigente come
indicato nella tabella 1) allegata al presente bando, e non superiore al limite massimo
Allegato A) alla Deliberazione di Giunta Comunale n. 20 del 16/02/2011
fissato per la locazione permanente determinato sulla base delle vigenti leggi per
l’edilizia agevolata;
2. I requisiti di cui sopra devono essere posseduti alla data di scadenza del bando da parte del
richiedente e limitatamente alle lettere C) e D) da parte degli altri componenti il nucleo
familiare.
3. Nel caso di giovani coppie non ancora conviventi i suddetti requisiti devono essere
posseduti dal costituendo nucleo familiare con esclusione dei componenti il nucleo
familiare di provenienza. La convivenza deve costituirsi, a pena di revoca del beneficio,
entro mesi sei dalla stipulazione del contratto di locazione.
4. I requisiti elencati nel presente articolo devono permanere al momento dell’assegnazione,
nonché successivamente, in costanza di rapporto, fatta eccezione per il requisito di cui alla
lettera E) che verrà aggiornato alla luce dei parametri di reddito vigenti al momento della
verifica degli stessi.
2. DEFINIZIONI
1. Ai fini del presente bando valgono le seguenti definizioni:
1) Il reddito annuo complessivo è quello imponibile, relativo alla dichiarazione fiscale
riguardante l’anno 2009, al lordo delle imposte e al netto dei contributi
previdenziali e degli assegni familiari, di ciascun componente il nucleo che svolga
attività lavorativa autonoma o dipendente o percepisca pensione. Oltre
all’imponibile fiscale vanno computati tutti gli emolumenti, indennità, pensioni,
sussidi, a qualunque titolo percepiti, ivi compresi quelli esentasse, ad eccezione dei
sussidi od assegni percepiti, in attuazione delle vigenti norme, da componenti il
nucleo familiare, handicappati o disabili, salvo che, a causa di tale esclusione, il
concorrente non raggiunga il limite minimo di reddito necessario all’ammissione al
concorso. Per la definizione dei redditi da lavoro dipendente ed assimilati si fa
riferimento a quanto previsto dalle norme fiscali vigenti in materia.
Per la determinazione del reddito annuo complessivo familiare si fa riferimento a
quanto stabilito dall’art. 21, primo comma, della legge n. 457/1978 e successive
modifiche ed integrazioni. Ai fini della detrazione della quota prevista per ogni
figlio che risulti essere a carico si precisa che qualora il reddito familiare sia
determinato da reddito da lavoro autonomo e da reddito da lavoro dipendente, la
detrazione deve essere effettuata in proporzione su entrambi i redditi;
2) Per nucleo familiare si intende la famiglia risultante anagraficamente alla data di
pubblicazione del bando:
– in caso di scissione del nucleo familiare, occorrerà dichiarare i componenti della
nuova famiglia;
– in caso di giovani coppie non ancora coniugate o conviventi, il nucleo familiare
si considera composto della coppia ed eventuali figli;
– giovani coppie sono da intendersi quelle composte da soggetti entrambi sotto i
35 anni di età;
– per famiglia monoparentale si intende il nucleo familiare formato da un solo
adulto con uno o più minori o figli disabili (percentuale di invalidità superiore
al 66%) a carico. In caso di famiglia monoparentale, qualora sussista il
matrimonio, dovrà essere presentata sentenza o verbale di separazione
personale, ovvero anche la semplice istanza di separazione, se presentata al
Tribunale prima della pubblicazione del bando.
3) per alloggio adeguato alle esigenze del nucleo familiare si intende l’abitazione
composta da un numero di vani esclusi cucina, servizi, ingresso, disimpegno
corrispondente a quello dei componenti il nucleo familiare, intendendo per cucina
anche il locale adibito a pranzo comunicante con il cucinino. Le stanze da letto con
superficie superiore a metri quadrati 14 si considerano idonee per due persone. I
vani superiori a metri quadrati 25 si considerano pari a due qualora siano dotati di
aperture che ne consentano la suddivisione nel rispetto delle norme igienico-edilizie.
L’alloggio composto da cinque o più vani è, comunque, idoneo;
4) si considera non idoneo l’alloggio o gli alloggi di cui il richiedente possieda solo la
nuda proprietà o sia comproprietario con terzi non appartenenti al nucleo familiare.
Si considera, infine, non idoneo l’alloggio fatiscente risultante da certificato di non
abitabilità rilasciato dal Comune o che non consenta l’accesso e/o l’agibilità interna
ad uno o più componenti il nucleo familiare del richiedente che siano portatori di
handicap motorio (motulesi deambulanti in carrozzina);
5) per locali impropriamente adibiti ad abitazione, e sempre che siano privi di servizi
igienici propri regolamentari, devono intendersi tutti quei locali che per la loro
struttura e originaria finalità non siano destinati ad abitazione. Per soffitta si intende
il locale ricavato fra l’ultimo piano e il tetto senza plafonature.
3. PUNTEGGI DA ATTRIBUIRE AI CONCORRENTI
1. Ai concorrenti sono riconosciuti i seguenti punteggi, in relazione alle condizioni sociali ed
abitative alla data di scadenza del bando:
A. Motivazione del provvedimento esecutivo di rilascio:
1) sfratto motivato da morosità 1 punto
2) sfratto motivato dalla fine locazione 3 punti
3) separazione legale 3 punti
4) ordinanza di sgombero emessa dall’Autorità competente 4 punti
B. Stato di avanzamento del procedimento di rilascio
1) monitoria di sgombero conseguente a sentenza esecutiva di sfratto 5 punti
2) ordinanza di abbandono dell’alloggio coniugale a seguito di separazione 5 punti
3) ordinanza di sgombero per motivi di pubblica utilità o per esigenze di risanamento
edilizio, risultanti da provvedimenti emessi dall’Autorità competente;
5 punti
4) provvedimento eseguito entro i 12 mesi precedenti la data di indizione del bando o
esecuzione fissata entro i 3 mesi (*) successivi la data di scadenza del bando
12 punti
(*) Nel caso di proroghe degli sfratti stabilite per legge i 3 mesi partono dalla data di fine proroga fissata
dalla legge stessa
C. Alloggiamento in locali impropri
1) richiedenti che alloggiano con il nucleo familiare da almeno sei mesi in baracche,
stalle, seminterrati, centri di raccolta, dormitori pubblici o comunque in ogni altro locale
procurato a titolo precario dagli organi preposti all’assistenza pubblica o in altri locali
impropriamente adibiti ad abitazione e privi di servizi igienici propri regolamentari,
quali soffitte e simili. La condizione dei sei mesi non è richiesta quando si tratti di
sistemazione derivante da abbandono di alloggi a seguito di calamità, di imminente
pericolo di crollo riconosciuto dall’autorità competente, di sistemazione in locali
procurati a titolo precario dagli organi preposti all’assistenza pubblica
3 punti
2) richiedenti che alloggiano con il nucleo familiare in alloggio privo di servizio igienico
completo, composto da WC, lavabo, doccia o vasca o in alloggio provvisto di servizio
igienico completo esterno.
2 punti
D. Sovraffollamento
1) richiedenti che abitano con il nucleo familiare in un alloggio sovraffollato con due
persone a vano abitabile
1 punto
2) richiedenti che abitano con il nucleo familiare in un alloggio sovraffollato con oltre
due persone a vano abitabile
2 punti
E. Particolari situazioni personali o sociali
1) presenza nel nucleo familiare di uno o più anziani (oltre 65 anni di età) 3 punti
2) presenza nel nucleo familiare di disabili con percentuale di invalidità superiore al 66% 4 punti
3) nuclei familiari composti da 5 o più persone 3 punti
4) famiglia monoparentale con figli minori o disabili a carico 4 punti
5) presenza nel nucleo familiare di soggetti con gravi patologie degenerative
documentate
4 punti
6) richiedenti che siano giovani coppie (entrambi al di sotto dei 35 anni di età)
intenzionate a costituire una convivenza entro 6 mesi dalla stipula del contratto di
locazione
3 punti
2. Non sono cumulabili fra loro i punteggi all’interno di una stessa lettera, fatta eccezione per
le categorie di cui alla lettera E)
4. FORMAZIONE DELLA GRADUATORIA
I nuclei familiari, che occupano alla data di scadenza del bando, anche con assegnazione a
titolo provvisorio, alloggi di proprietà comunale o in disponibilità del Comune hanno
precedenza nella graduatoria, purché in possesso dei requisiti per l’accesso di cui sopra.
A parità di punteggio la precedenza in graduatoria viene determinata in relazione al ricorrere
delle seguenti condizioni:
• Sfratto eseguito
• Sfratto da eseguire
• Presenza di un disabile nel nucleo familiare con percentuale di invalidità superiore al 66%
• Presenza di un portatore di gravi patologie mediche documentate nel nucleo familiare
• Presenza di un anziano (oltre 65 anni di età)
• Alloggiamento in locali impropri
• Famiglia monoparentale
• Minor reddito
5. MODALITA’ E TERMINI PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE
Le domande di partecipazione al presente bando di concorso devono essere redatte
esclusivamente su moduli appositamente predisposti dal Comune di Collegno, distribuiti
gratuitamente, a partire dal 28/02/2011 presso:
– Ufficio Politiche Abitative del Comune di Collegno Via Torino 9
– U.R.P. del Comune di Collegno Piazza del Municipio 1
Detti moduli di domanda, corredati da marca da bollo di € 14,62 dovranno essere
riconsegnati personalmente dal richiedente o da un componente del nucleo familiare.
Dal 28 febbraio 2011 al 1 aprile 2011
presso l’Ufficio Politiche Abitative del Comune di Collegno – V. Torino 9 – nei seguenti
orari:
al mattino:
lunedì, martedì e giovedì: dalle ore 9,00 alle 12,00
al pomeriggio:
giovedì: dalle ore 14,00 alle 16,00
E’ possibile inoltrare, sempre dal 28 febbraio 2011 al 1 aprile 2011, il modulo di domanda per
posta con raccomandata A.R. indirizzata esclusivamente al Comune di Collegno – Settore
Politiche Educative e Sociali – Ufficio Politiche Abitative – Via Torino 9 -10093 Collegno. In
tal caso occorre allegare al modulo di domanda, debitamente firmato, copia del documento di
identità non scaduto del richiedente.
L’eventuale cambiamento di residenza dovrà essere comunicato all’ufficio competente.
La domanda costituisce autocertificazione e dichiarazione sostitutiva ai sensi della
normativa vigente relativa a stati, fatti, qualità personali del richiedente e dei
componenti il nucleo familiare e pertanto ad essa non è obbligatorio allegare alcun
documento, ad eccezione della copia del documento d’identità del richiedente.
La domanda costituisce dichiarazione con sottoscrizione sotto personale responsabilità.
6. PUBBLICAZIONE GRADUATORIA
Entro trenta giorni dalla pubblicazione della graduatoria provvisoria all’Albo Pretorio gli
interessati possono presentare ricorso in opposizione al Dirigente del Settore Politiche
Educative e Sociali, che provvederà in merito entro trenta giorni dalla scadenza del termine
per la presentazione dei ricorsi.
Esaminati i ricorsi verrà redatta la graduatoria definitiva, approvata dal Dirigente competente
e pubblicata all’Albo Pretorio.
7. ONERI A CARICO DEGLI ASSEGNATARI
I concorrenti collocati nella suddetta graduatoria potranno subentrare negli alloggi che si
rendessero disponibili nei prossimi 5 anni, a condizione che accettino di divenire soci della
Cooperativa “G. Di Vittorio”stessa, impegnandosi a rispettare lo Statuto con tutti gli obblighi
derivanti.
Gli assegnatari dovranno versare alla Cooperativa gli importi così specificati:
€ 13.000,00 a titolo di “Fondo di Mutualità”,. Potranno esser richieste rateizzazioni del
Fondo di Mutualità con decisione espressa a insindacabile giudizio della
Cooperativa. All’assegnatario verranno corrisposti annualmente gli interessi
sulla parte versata delle quote di “Fondo di Mutualità”
€ 1.200,00 spese assegnazione
€ 50,00 quota associativa
8 VALIDITA’ DELLA GRADUATORIA
La graduatoria resterà in vigore per cinque anni, salvo rinnovo per altri 5 anni nel caso in cui
non fossero esauriti tutti i nominativi.
Qualora si liberassero alloggi tra quelli assegnabili il Comune provvederà, entro trenta giorni
dalla comunicazione di rilascio dell’alloggio da parte della Coop. “G. Di Vittorio”, a
segnalare al medesimo il nominativo del subentrante utilmente posto in graduatoria.
9. TIPOLOGIA DEGLI ALLOGGI E CANONE LOCATIVO
Gli alloggi in questione realizzati dalla cooperativa “G. Di Vittorio” sono così composti:
Soggiorno con angolo cottura, 2 camere, bagno, ripostiglio e disimpegno con una metratura
che può variare dai 63,53 mq. ai 66,59 mq..
Il canone di locazione in godimento è attualmente stabilito in Euro 269,96 mensili.
A tale canone sono da aggiungersi:
– Accantonamento per manutenzione straordinaria 5% del canone
– Spese di gestione della Cooperativa 5% del canone
– Fondo di solidarietà € 2,00
– Spese condominiali e IVA 4% sull’importo fattura.
Il canone di locazione sarà revisionato in aumento o diminuzione all’inizio di ogni biennio in
relazione all’andamento dell’indice dei prezzi al consumo per famiglie di operai ed impiegati
nel biennio precedente, quale risulta dalle determinazioni dell’I.S.T.A.T., considerato nella
misura massima del 75%.
* * *

Tag: ,

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: