Stop agli sfratti, primo sì in Consiglio Il Pdl: Moratoria .

24 giu 2011 – Sfrattati dalle case popolari perché abusivi.La storia di una famiglia ,e la nostra ,le buttiamo fuori, le lasciamo senza tetto su una testa?
Senza tetto da ieri: una coppia e una bambina di 7 anni messi fuori dalle case popolari perché abusivi. Quello dell’abusivismo all’interno delle strutture Iacp è un fenomeno diffuso che puntualmente viene denunciato dagli enti preposti, i quali provvedono a fare sgombrare le abitazioni coinvolte con uno sfratto esecutivo. Definiti abusivi sono quindi coloro che occupano appartamenti disabitati, per assicurarsi un tetto sulla testa. Numerosi sono gli interventi che si sviluppano durante l’anno, per dare una regola a questo fenomeno dilagante e cercare quindi di ripristinare quelle che sono le regole di una consona assegnazione. Sfratti che si consumano sovente ai danni di abusivi sì, ma comunque di famiglie che non hanno altro posto dove recarsi e che vivono una condizione economica tale che non permette loro di pagare l’affitto per un alloggio. L’ultimo sfratto si è consumato nella mattina di ieri in una palazzina Iacp nella zona adiacente a via Firenze. La famiglia, una coppia di coetanei 40enni con una figlia di appena 7 anni, si è ritrovati fuori dall’abitazione in quanto abusivi. Sul luogo per procedere allo sfratto esecutivo, sono intervenuti gli agenti di polizia del commissariato di via Cina, due assistenti sociali, gli agenti della municipale e il commissario Iacp. A dare un sostegno morale alla famiglia che è stata messa alla porta, Antonio Fasciano, presidente del comitato cittadino La Città del Bambini. “C’è una bambina e il bisogno di una celere e risolutiva soluzione è prioritaria” sottolinea Fasciano. Interventi che sono posti in essere per fermare un fenomeno che non rientra tra i comportamenti propriamente legali, ma che di contro dovrebbero avere un intervento altrettanto risolutivo per chi trovandosi sfrattato non sa davvero dove andare. Le case liberate con simili procedure, non sono coinvolte repentinamente da una assegnazione legale, ma restano vuote a lungo fino a quando un’altra famiglia ci si insedia abusivamente. “Sono d’accordo che non si voglia chiudere le porte dell’Italia a nessuno – si esprime Fasciano – a pochi chilometri da qui migliaia di extracomunitari al giorno sbarcano sul territorio italiano; in Molise, abbiamo centri di accoglienza, e i nostri concittadini? Certo, gli abusivi hanno torto, però non sono in condizioni di permettersi un affitto e si rimettono nelle mani dell’amministrazione locale, come i profughi si rimettono nelle mani del Governo italiano. Accogliamo gente dall’estero e la nostra la buttiamo fuori, la lasciamo senza tetto su una testa? Non si può guardare oltreconfine e poi dentro casa nostra abbiamo simili problematiche. La mia – conclude Fasciano – è una sorta di preghiera; aiutiamoli, cerchiamo una soluzione più consona. Siamo genitori e queste situazioni limite, dove c’è la presenza di bambini, dovrebbero farci riflettere e intervenire con i giusti mezzi”. La famiglia senza tetto, la cui abitazione è stata sigillata nella mattina di ieri, ha trovato una sistemazione momentanea, che ha comunque diviso il nucleo: il papà con la piccola ha trovato rifugio presso casa di amici e la mamma nell’abitazione di due anziani presso cui la donna prestava servizio da tempo. Lunedì l’appartamento sarà riaperto per permettere agli sfrattati di liberare i vani dagli arredi e al termine dello sgombro, l’appartamento sarà murato. “Provvederò io stesso a noleggiare un furgone per il trasporto dei mobili – dichiara F. – arredi che non sappiamo ancora dove collocare”.
Tratto da il quotidiano di Termoli

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: